Giordano_0Roma, 19 ott – Anche dal Fatto Quotidiano giungono pareri decisamente contrari alla proposta di introduzione del reato di “negazionismo”. A parlare è Bruno Tinti ex magistrato, giornalista e scrittore, nonché (a sentire Wikipedia) azionista del quotidiano. Tinti chiarisce che a suo parere “l’Olocausto è una verità storica dimostrata in modo inoppugnabile da documenti e testimonianze non contrastabili. È stato anche un genocidio abominevole, una serie spaventevole di crimini contro l’umanità, una regressione della natura umana che, prima di indignare, sconcerta”.

Tuttavia, aggiunge, “è inaccettabile che l’imbecillità o la faziosità siano punite con il carcere”. Se è giusto che il cdice penale punisca istigazione e apologia si chiede l’ex magistrato, restano tuttavia alcuni interrogativi in relazione al “negazionismo”: “Ma se ci si limita a sostenere che un certo delitto non è mai avvenuto? Qual è la valenza criminale di questo comportamento? Chi nega l’olocausto non dice che i nazisti hanno fatto bene ad ammazzare 10 milioni di ebrei; e nemmeno dice che sarebbe bene rifarlo. Espone una sua demenziale teoria che merita una schifata ripulsa e l’isolamento sociale: ma niente di più, pena ricadere in analoga ignominia”.

Tinti cita l’Inquisizione e chiosa: “È vero che, in questi casi (ma durò fino al 1800), i persecutori difendevano falsità storiche e oggi si vuole difendere la verità storica. Ma è anche vero che ogni individuo ha diritto a non essere costretto a soggiacere a condizionamenti ideologici, morali o religiosi altrui. E che certe cose si sa come cominciano ma non si sa come finiscono”.

 Giorgio Nigra

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × quattro =