bianchiRoma, 19 ott – Effetto Oscar Giannino nella giunta comunale romana, dove il capo dell’ufficio staff del vicesindaco Luigi Nieri è stato costretto a dimettersi dopo aver millantato per anni una laurea mai conseguita.

Si tratta di Andrea Bianchi, collaboratore di Nieri sin dai tempi della regione Lazio, lavorando a stretto contatto con il vice sindaco per oltre 10 anni e guadagnando 115mila euro lordi l’anno. Come tutti i dirigenti del Comune, Bianchi ha presentato un’autocertificazione per entrare nello staff. Proprio un controllo a questi documenti ha permesso di scoprire la verità.

Lo stesso Nieri ha dichiarato: “In seguito a verifiche effettuate è emerso che il mio capo staff Andrea Bianchi ha mentito sui suoi titoli di studio. Non è laureato e non può ricoprire il ruolo che gli avevo assegnato. Gli ho chiesto quindi di rassegnare le dimissioni che sono già state presentate”.

Giuliano Lebelli

 

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteI sauditi chiudono all’Onu (e si avvicinano a Israele)
Prossimo articoloI francesi favorevoli alla linea dura sui rom
Adriano Scianca
Giornalista e scrittore, classe 1980. È laureato in Filosofia presso l'università La Sapienza di Roma ed è giornalista iscritto all'Ordine dei professionisti. Ha collaborato con i quotidiani Libero e Il Foglio e lavorato nella redazione del Secolo d’Italia. Scrive abitualmente per il quotidiano La Verità. Ha scritto i saggi Riprendersi tutto, tradotto anche in francese, Ezra fa surf, L'identità sacra e Contro l'eroticamente corretto. È responsabile nazionale della cultura per CasaPound Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here