Finanziamento ai partiti, si va verso il modello americano

resizer Roma, 21 feb – E’ stato  convertito definitivamente in  legge dopo il sì della Camera il  DL del governo Letta che  prevede l’abolizione del  finanziamento pubblico ai  partiti. L’approvazione è  arrivata ieri con votazione in  aula, dove una maggioranza  favorevole alla conversione composta principalmente da PD, Forza Italia e NCD ha avuto la meglio sul voto contrario di M5S, Lega Nord e Sel, mentre i Fratelli d’Italia si sono attestati su una posizione di astensione. Con la nuova legge il finanziamento pubblico verrà sostituito in via definitiva dalla possibilità di donazioni e contributi volontari, tramite il 2×1000 ai partiti, le detrazioni e altre iniziative private di partecipazione economica.

La storia del finanziamento pubblico affonda però le proprie radici in tempi decisamente più datati, tanto che potremmo chiamarli (non senza una punta d’ironia) “non sospetti”. Già nel 1993 infatti, in piena bufera post Tangentopoli, un referendum popolare aveva di fatto abolito questa pratica, sull’onda lunga di uno scandalo che aveva coinvolto l’intero arco costituzionale in un baratro di corruzione, finanziamenti illeciti e vere e proprie spartizioni di denaro pubblico. Si potrebbe discutere ora sul fatto che a farne le spese alla fine di tutto fosse stato esclusivamente il Psi di Craxi, ma tant’è che con il governo Amato la questione, uscita dalla porta, si ripresentò puntualmente entrando dalla finestra con l’introduzione dei rimborsi elettorali. Insomma, una stortura strutturale vecchia di vent’anni ma che ancora tiene banco nel palinsesto politico, riproponendosi ciclicamente come tematica di stringente attualità.

Ci sarebbe a questo punto da ringraziare la prontezza dell’esecutivo tecnico del PD che con la premiata ditta Letta – Renzi ha finalmente risolto l’annoso problema? Non così in fretta, perché la cura a volte si rivela peggiore della malattia. In poche parole per ovviare a quello che indubbiamente è un meccanismo perverso di spreco di risorse economiche statali ci prepariamo ad adottare il sistema tipicamente anglosassone della “privatizzazione” dei partiti politici. Finanziatori privati che comprano letteralmente e indirizzano intere compagini politiche per i propri interessi, la fine di ogni possibilità di autodeterminazione politica nel nome della speculazione più spregiudicata a scapito degli interessi nazionali. Il sogno americano di un George Soros finanziatore e padrino del Partito Democratico di Obama o quello di un Partito Repubblicano legato a doppio filo alla lobby della armi potrebbero a questo punto diventare una terribile realtà in salsa nostrana. L’unica piccola soddisfazione è che di questo passo i rimborsi elettorali, privati o pubblici che siano, saranno una chimera: sembra che l’esercizio del voto ormai sia passato di moda.

 

Michele de Nicolay

 


Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.