Roma, 24 gen – “Noi abbiamo un grande compito davanti, che questa Nazione guidata da Dio abbia una rinascita di libertà e che l’idea di un governo del popolo, fatto dal popolo, per il popolo, non scompaia dalla terra”. Sono queste le parole che ha letto il Prof. Alberto Castelvecchi (docente ed esperto di public speaking all’università LUISS Guido Carli di Roma) durante la puntata di Omnibus andata in onda su La 7 ieri mattina. Si discute di populismo e dell’elezione di Trump. Per la precisione, il blocco televisivo in questione si intitola “inizia l’era del Trumpopulismo, ci fa paura?”.

Non c’è stato nemmeno il tempo di citare l’autore del discorso, quando il sociologo Domenico De Masi (docente di sociologia del lavoro presso l’Università “La Sapienza” di Roma) ha immediatamente commentato sovrastando il suo interlocutore: “E’ un pazzo praticamente, sono parole di un pazzo…è un pazzo comunque”. Castelvecchi tenta di rispondere ma viene interrotto. Dopo circa 20 secondi d’isterismo in studio, si riesce a rivelare l’autore del testo: Abraham Lincoln. De Masi ha dato per scontato che si trattasse di una parte del discorso del giuramento di Trump. Così, non è.

Ma il punto è che per l’intellighenzia schierata a sinistra chiunque pronunci le parole “popolo”, “sovranità” e “Nazione” è da additarsi come un populista, come un pazzo per l’appunto. Poco conta il fatto che non sia necessario possedere una laurea in scienze politiche per comprendere che qualsivoglia riferimento alla sovranità popolare e alla libertà siano parte integrante di tutti i sistemi democratici (almeno dal punto di vista teoretico). D’altronde l’etimo della parola democrazia non vuol dire proprio “governo del popolo”? Domanda retorica, ovviamente. Ma non per i professoroni che vanno in tv a lanciare invettive contro il “pericolo populista”. Per loro il popolo è solo uno strumento da piegare alla volontà politica, qualunque essa sia; è solo il buon gregge che accetta politiche elitarie, esclusive e pro-establishment finanziario. E chi si azzarda a voler restituire al popolo la sovranità che gli appartiene è un maledetto populista. Fosse anche Abraham Lincoln. Però loro sono democratici…

Aurelio Pagani

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Un coglione laureato una bestia travestita da professore , uno dei tanti a libro paga degli speculatori come soros e soci, i veri criminali mondiali!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here