Grillo si candida a leader del centrodestra?

beppe_grilloRoma, 15 ott – Beppe Grillo si scaglia contro Fabio Fazio. Sul suo blog, l’ex comico genovese si scaglia contro il conduttore di “Che tempo che fa”, definito “stuoino del pdmenoelle”. Il suo programma, dice Grillo, “è prodotto da Endemol di proprietà al 33% di Mediaset . La Rai compra il suo programma da Berlusconi invece di produrlo internamente. Non ci vorrebbe molto a farlo da parte dell’emittente pubblica, la RAI ha 10.476 dipendenti”.


Il leader del M5S aggiunge: “ Quando Fazio afferma ‘Io faccio guadagnare la mia azienda’, a chi si riferisce? A Endemol? Fazio dice che lui si guadagna i suoi soldi: ‘Questo programma è interamente pagato dalla pubblicità’. Il suo contratto è stato rinnovato per tre anni per un importo di 5.400.000 euro, pari a 1.800.000 all’anno. Fazio di che parla? Quali guadagni si attribuisce? La Rai è tecnicamente fallita, nel 2012 ha perso 245,7 milioni di euro e le previsioni per il 2013 sono di una perdita superiore a 400 milioni. Gubitosi e la Tarantola dove trovano i soldi da dare a Fazio? Come giustificano un contratto che è un insulto alla condizione del Paese e ai lavoratori della Rai? Con che faccia? I ricavi della Rai sono di 1.748 milioni, dalla pubblicità entrano 675 mil. Nel 2012 gli incassi pubblicitari sono diminuiti di 209 mil e quest’anno forse ne perderà il doppio. In questa situazione cosa farebbe un qualunque amministratore, con un organico pletorico e conti in rosso? Si affiderebbe alle professionalità interne e diminuirebbe i costi dei programmi acquistati all’esterno. Invece la coppia Tarantola&Gubitosi fa esattamente il contrario”.

L’articolo si conclude con una minaccia: “Verremo a cantare a Sanremo. Ripeto: verremo a cantare a Sanremo”.

Le argomentazioni, di per sé, sarebbero anche convincenti, ma quel che stupisce è la tempistica: appena domenica sera, Renato Brunetta aveva battibeccato in diretta con il conduttore Rai esattamente sugli stessi toni. E certo la polemica sugli incassi milionari di un anchorman da sempre schierato a sinistra piacciono molto a un certo tipo di pubblico. Se a ciò aggiungiamo la ferma posizione, anche contro i propri parlamentari, sulla questione immigratoria e la polemica con il Fatto Quotidiano possiamo ben dire che tre indizi fanno una prova:  fiutando l’aria di smobilitazione nel Pdl e ben conscio che in Italia la maggioranza è da sempre conservatrice, Grillo sta riposizionando il M5S sullo scacchiere laddove si è appena creato un vuoto.

Il nuovo centrodestra italiano parlerà genovese?

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.