indexRoma, 2 gen – Non giungono inattesi i risultati del Rapporto sulla Coesione Sociale, stilato da Istat, Inps e Ministero del Lavoro. I sedicenti salvatori della patria hanno fallito, questa è l’Italia più povera dal 1997: il 15,8% degli individui vive al di sotto della soglia di povertà, un pensionato su due vive con meno di mille euro al mese, calano i posti fissi per i lavoratori under 30. Solo la Grecia sta peggio di noi.

Proprio nel giorno in cui giornali e notiziari annunciano con sommo gaudio che lo spread ha raggiunto quota 216 (la più bassa dal 2011), l’Istat rivela che i poveri in senso assoluto sono raddoppiati dal 2005 e triplicati al nord Italia. A testimonianza del fatto che l’economia finanziaria ha dettato la politica delle nazioni, pur essendo totalmente scollata dall’economia reale.

Secondo il rapporto, “Sono oltre 47,6mila le persone senza dimora […]. La perdita di un lavoro (riguarda il 55,9% dei senza dimora), si configura come uno degli eventi più rilevanti del percorso di progressiva emarginazione che conduce alla condizione di senza dimora,insieme alla separazione dal coniuge e/o dai figli (54,4%)”.

Dal rapporto emerge inoltre che la disoccupazione giovanile, che ha raggiunto quota 41%, è aumentata del 14% dall’inizio della crisi. Inoltre, nonostante l’aumento delle tasse, dal 2011 le retribuzioni dei lavoratori sono rimaste pressoché immutate: l’aumento medio degli stipendi mensili è di soli 4 euro.

Pesano anche i continui tagli all’istruzione pubblica e l’assenza di lungimiranza nelle varie riforme della scuola: i laureati faticano a trovare un impiego, quindi la scuola, che non offre un futuro, viene abbandonata: nel rapporto si legge: “la quota di popolazione 18-24 anni con al più la licenza media e che non frequenta altri corsi scolastici o svolge attività formative superiori ai 2 anni è pari al 18% in Italia, con una differenza negativa rispetto alla media UE 27 di oltre 4 punti percentuali”. Insomma, lavoro, scuola e casa, tutti diritti garantiti e tutelati dalla Costituzione, sono ormai dei miraggi per gli italiani”.

Gli ultimi 15 anni di politica sono stati caratterizzati da manovre di liberalismo spericolato, privatizzazioni e delegazioni di sovranità. Il risultato è che l’Italia non è mai stata così povera dal 1997. Sicuri che ci voglia “più liberalismo” per uscire dalla crisi?

Michael Mocci

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here