clockworkorange_alBologna, 15 ot – L’idea della rieducazione coatta da infliggere agli avversari politici è una tentazione che ha più volte sfiorato il pensiero dominante. A fare il grande passo e a proporre apertamente i metodi orwelliani è stata però l’associazione Annassim di Bologna, formata da “donne native e migranti delle due sponde del mediterraneo”.

In una lettera aperta indirizzata ai leghisti e, per conoscenza, alle principali autorità del Paese, leggiamo di un “processo di educazione complessivo mirato a recuperare il loro essere umani. Noi siamo disponibili come donne specializzate: psicanaliste, pedagogiste, sociologhe, docenti, psichiatre, etnologhe, antropologhe linguiste, esperte di comunicazione che operano a Bologna in associazioni di volontariato e come libere professioniste”.

Insomma, una sorta di “metodo Ludovico” in salsa antirazzista. A meno che il riferimento a Beethoven non suoni già troppo etnocentrico, ovviamente…

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + sei =