Il ministro: “Vi denuncio se mi chiamate gender (che però non esiste)”

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Roma Politica Scelta Civica presenta proposta per Legge Elettorale Nella foto Stefania Giannini (segretario Scelta Civica) Photo Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Rome (Italy) Scelta Civica party shall present a proposal for the Electoral Law In the photo  Stefania Giannini

Roma, 17 set – Da che mondo e mondo, i ministri dell’Istruzione sono sempre stati contestati. Stefania Giannini ha però il primato di essere la prima a minacciare querele. Contro gli studenti, contro le famiglie, forse anche contro l’intero popolo italiano, reo di contestare la riforma renziana della scuola.

Galeotto fu il gender: le proteste delle famiglie contro l’inserimento delle tematiche di genere in sedicenti corsi contro il “bullismo” o la “discriminazione” non sono andate giù alla Giannini.

Che ha tuonato: “Chi ha parlato e continua a parlare di ‘teoria gender’ in relazione al progetto educativo del governo Renzi sulla scuola compie una truffa culturale e voglio dire con chiarezza che ci tuteleremo con gli strumenti adeguati”.

A chi le ha chiesto se il ministero si stia già muovendo in questa direzione, la titolare del dicastero di viale Trastevere ha poi risposto: “Eh beh, sì, perché facciamo chiarezza con circolari e in altri modi, ma se ciò non dovesse bastare credo che ci sia una responsabilità irrinunciabile di passare anche a strumenti legali”.

Non male, un ministero che minaccia querele contro le critiche. Resta tuttavia in sospeso una domanda: in cosa consisterà la denuncia? Si riterrà lesiva dell’onorabilità del ministero l’affermazione che il suddetto propagandi teorie gender? A quale elemento in particolare di tali teorie il ministero ritiene offensivo essere accostato? Ci dica, ministro, ci dica. Siamo proprio curiosi.


Roberto Derta

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.