Foto Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Roma Politica Scelta Civica presenta proposta per Legge Elettorale Nella foto Stefania Giannini (segretario Scelta Civica) Photo Roberto Monaldo / LaPresse 14-01-2014 Rome (Italy) Scelta Civica party shall present a proposal for the Electoral Law In the photo  Stefania Giannini

Roma, 17 set – Da che mondo e mondo, i ministri dell’Istruzione sono sempre stati contestati. Stefania Giannini ha però il primato di essere la prima a minacciare querele. Contro gli studenti, contro le famiglie, forse anche contro l’intero popolo italiano, reo di contestare la riforma renziana della scuola.

Galeotto fu il gender: le proteste delle famiglie contro l’inserimento delle tematiche di genere in sedicenti corsi contro il “bullismo” o la “discriminazione” non sono andate giù alla Giannini.

Che ha tuonato: “Chi ha parlato e continua a parlare di ‘teoria gender’ in relazione al progetto educativo del governo Renzi sulla scuola compie una truffa culturale e voglio dire con chiarezza che ci tuteleremo con gli strumenti adeguati”.

A chi le ha chiesto se il ministero si stia già muovendo in questa direzione, la titolare del dicastero di viale Trastevere ha poi risposto: “Eh beh, sì, perché facciamo chiarezza con circolari e in altri modi, ma se ciò non dovesse bastare credo che ci sia una responsabilità irrinunciabile di passare anche a strumenti legali”.

Non male, un ministero che minaccia querele contro le critiche. Resta tuttavia in sospeso una domanda: in cosa consisterà la denuncia? Si riterrà lesiva dell’onorabilità del ministero l’affermazione che il suddetto propagandi teorie gender? A quale elemento in particolare di tali teorie il ministero ritiene offensivo essere accostato? Ci dica, ministro, ci dica. Siamo proprio curiosi.

Roberto Derta

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here