Roberto Maroni23Roma, 12 giu – Roberto Maroni non ci sta e, dopo aver rispedito al mittente -insieme al collega Zaia- l’ipotesi di accogliere nuovi profughi nelle regioni del Nord, lancia la sua proposta per risolvere il problema degli sbarchi e delle decine di migliaia di profughi.

“La mia proposta è quella di bloccare le partenze: non bombardando i barconi, ma impedendo loro di partire con il blocco navale o meglio ancora con campi profughi in Libia“, spiega il governatore della Lombardia in audizione al comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dei controlli di Schengen. Una azione duplice, quindi: da una parte il blocco navale, dall’altra l’istituzione di centri di accoglienza direttamente sulle coste dalle quali gli immigrati si imbarcano e prendono la via del mare: “il governo italiano deve spingere presso la Ue e l’Onu per organizzarli, così come fu fatto nel 2011 in Tunisia. Se questa non è un’emergenza umanitaria, non so cosa essa sia. Si parla di mezzo milione di persone pronte a partire: è un numero incredibilmente alto, una cifra straordinariamente elevata”.

Il disaccordo fra i due contrapposti governi che al momento si spartiscono Tripolitania e Cirenaica, oltre alle difficoltà (per non dire impossibilità) di comunicazione tra questi e la comunità internazionale può significare, per l’attuazione della proposta, il non dover escludere anche un’opzione militare. A tale osservazione lo stesso Maroni ha risposto non più tardi di tre giorni fa: “Si’, qual e’ il problema? Abbiamo bombardato la Libia senza chiedere il permesso a nessuno. Con i caschi blu siamo stati per anni dappertutto. Adesso li utilizzeremo per una missione umanitaria”.

Secondo l’ex ministro dell’Interno, i campi avrebbero la funzione di “fare le verifiche sui requisiti per la protezione internazionale ed europea e poi ripartire il numero di queste persone nei vari Paesi della Ue: questa è la soluzione. Giuridicamente si può fare, occorre una forte spinta politica”. Una soluzione radicale che mira a scremare chi effettivamente ha i requisiti per essere ospitato in qualità di profugo e, in secondo luogo, ad evitare che in virtù degli accordi di Dublino sia l’Italia da sola a doversi fare carico di tutte le richieste.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − quindici =