kyenge-235683Roma, 18 gen – Dopo le recenti polemiche con la Lega, il ministro per l’integrazione Cecile Kyenge ha dichiarato di non sentirsi un “bersaglio”, aggiungendo: “Il bersaglio casomai è la democrazia. Ho sempre detto che a essere in pericolo è la democrazia e la libertà per ogni persona di partecipare, di poter parlare ed esporre le proprie idee senza correre nessun pericolo”.

Vecchio trucco: quando non si hanno argomenti ci si rifugia sotto l’ombrello di un concetto enorme, generalmente intoccabile, che faccia da scudo. Se colpite me, colpite anche lui, è la logica malata. E così, per sottrarsi al dibattito – questo, sì, “democratico” – si millanta l’esclusiva dei sacrosanti valori. Autocertificarsi come portavoce e megafono di quanto vi è di più rispettato in modo da essere immuni da critiche: esiste qualcosa di più autoritario?

Un metodo, questo, particolarmente caro anche a Laura Boldrini, Nostra Signora del Politicamente Corretto. Tempo fa, per esempio, Beppe Grillo la descrisse come “un oggetto di arredamento del Potere, non è stata eletta, ma nominata da Vendola”. Chiunque conosca un po’ il pensiero grillino capisce al volo il riferimento: è la solita polemica contro i nominati, la casta, eccetera. La Boldrini, indignata, rispose che si trattava di “un’offesa a tutte le donne”.

Quello che non sfiora la Boldrini, allora, e la Kyenge, oggi, e che tali critiche possano essere dirette a loro individualmente, in quanto nullità politiche e culturali. Forse non esistono donne che detestano la Boldrini? O democratici che criticano la Kyenge? Sostenere il contrario, è in qualche modo un’offesa a tutti gli uomini. O almeno a quelli intelligenti.

Giuliano Lebelli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 + 19 =