matteo salvini lingotto torinoTorino, 17 dic – Secondo il neo segretario della Lega, Matteo Salvini, la magistratura italiana ha due pesi e due misure in funzione dell’interlocutore. Il riferimento è ovviamente agli scandali che hanno travolto la Lega in Piemonte che dagli spalti del lingotto accusa: “La magistratura è strabica, sul centrodestra è attentissima, ma gli altri che facevano? Non ‘scontrinavano’, o compravano in nero?” ma quando entrano merito alla Rimborsopoli scansa il discorso affermando che “ di mutande, di pizzi, di colla, di berretti ne parleremo quando ci sarà il giudizio, non il rinvio” ribadendo però che “Di qui a maggio non ci può essere una virgola interna fuori posto le segreterie dovranno essere luoghi di discussione, ma se esce anche una sola virgola fuori, quello è fuori”.

Il fango, che ha ricoperto la Lega, ha eroso ogni sua fondamenta ed ora il neo segretario deve trovare il modo di uscire lentamente dalla palude in cui il movimento è sprofondato. Gli strumenti prescelti sembrano ormai chiari: anti-europeismo (in chiave populista per catturare i recenti fomenti della piazza) ed il secessionismo.

Lo dimostra Il Movimento dei Giovani padani che ha adornato la sala del lingotto con scritte come “Al Nord vogliamo il muro”, Matteo,basta Italia” oppure “Secessione: l’Italia non esiste”. Per tutta risposta, il leader acclama dal palco: “Non ci fermiamo fino all’indipendenza”.

Il neo segretario punta dunque ai voti degli “indipendentisti del nord” per rilanciare il partito richiamando un ritorno alle origini. Prese di posizione che fanno gia discutere il mondo politico ed alcuni alleati come Guido Crosetto che si chiede: “Dove sta la verità? Devo credere a quello che abbiamo sentito al Lingotto, oppure alle parole di Maroni che stringe la mano ad Alfano, che appoggia Letta”.

Su una cosa però Salvini ha ragione, in Italia vigono due pesi e due misure. Se da una parte, in una comoda sala del Lingotto, risiede chi disprezza la nazione fino ad arrivare, in un recente passato, a bruciarne pubblicamente i vessilli dall’altra un ragazzo,Simone Di Stefano, è stato condannato a tre mesi di reclusione, commutati poi in obbligo di firma, per aver issato il tricolore al posto della bandiera europea.

 

Cesare Dragandana.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 2 =