Roma, 12 set – Emanuele Fiano torna alla carica con la sua proposta di legge per abolire i gadget del Duce. Il decreto legge è arrivato in dirittura finale, e approda oggi alla Camera. Si pensa che entro questa settimana verrà approvato, e data la fretta che ammanta questo decreto non sarebbe una sorpresa se il bavaglio ai busti di Mussolini venisse messo già oggi o domani. Poi il tutto passerà al Senato per il voto finale.

Nonostante in questi mesi l’Italia abbia vissuto problemi drammatici, dagli stupri alle alluvioni, passando per l’emergenza immigrazione, l’attività della Camera dopo la pausa estiva riparte dalla legge Fiano.

Nel dettaglio il provvedimento mira a inserire nel codice penale l’articolo 293-bis relativo alla “Propaganda del regime fascista e nazifascista”, e prevede pene da sei mesi a due anni per chi faccia propaganda con immagini fasciste o naziste. Stando a quanto dice il testo di questa nuova legge, anche il saluto romano verrà punito, e se la cosiddetta propaganda fascista si svolge via internet la pena viene aumentata di un terzo.

Voteranno a favore gli esponenti della maggioranza e i vari gruppi di sinistra. Contrari si sono detti Forza Italia, FdI, Lega nord e M5s. E a chi grida alla censura e alla privazione della libertà di espressione l’onorevole Fiano risponde: “Nessun intento liberticida, ma solo la necessità di mettere un freno ai rigurgiti neo fascisti e al ritorno dell’ideologia di estrema destra”. Una giustificazione che fa acqua da ogni dove, anche perché la sua legge va a estendere altre due leggi che in Italia già esistono, la Scelba del 1952 e la Mancino del 1993. Con le urgenze che sta vivendo il Paese negli ultimi mesi, una legge Fiano era quanto di più inutile ci potesse essere.

Anna Pedri

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. che stupidotti.Vietare significa aumentare il fascino di tutto questo,trasformando poi il saluto Romano (quello fu di Cesare,giusto per ricordare) in quello a tre dita,peraltro molto più “cattivo” del primo.
    PS ma la priorità assoluta dei “pelosi” (si chiamavano così i rossi negli anni 70-80) non doveva essere quella di riconoscere la cittadinanza italiana tramite lo Ius Sola anche agli stupratori di Rimini ?

  2. a margine…a mio parere sul web le immagini di Mussolini sono molto più gettonate e diffuse (in ispecie a testa in giù) dai pelosi,che non dalle persone normali.Sarà divertente passasse tutto questo,andare alla Polpost ed incominciare a denunciare pelosi per violazione delle legge Fieno…

  3. Si vede che l’On Fiano non ha nulla di meglio da fare..sempre la stessa minestra , molto pericolosa perche’ fa parte di del piu’ subdolo disegno di questo governo illeggittimo di porre la censura sulla liberta’ di scelte e di espressione del popolo.

  4. Vado a comprarmi subito il busto e tutte le chincaglierie prima che le vietino. Non lo avrei mai fatto , ma giuro che mi invogliano a farle per lasciare una testimonianza storica ai posteri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here