matrimonio-gayRoma, 9 set – L’Unione europea sta sempre sul pezzo, è sempre puntuale, attenta, decisa. Beh, diciamo che lo è quando ci sono di mezzo i diritti gay, vera e unica emergenza che da quelle parti viene riconosciuta come tale.

L’ultima presa di posizione è di ieri, con il Parlamento Ue che ha chiesto a nove Stati membri, tra cui l’Italia, di “considerare la possibilità di offrire” alle coppie gay istituzioni giuridiche come “la coabitazione, le unioni di fatto registrate e il matrimonio”.

La richiesta è inserita nel paragrafo 85 del rapporto sulla Situazione dei diritti fondamentali nella Ue approvato oggi a Strasburgo. Nel capitolo dedicato ai diritti delle persone LGTBI, Strasburgo condanna “con la massima fermezza la discriminazione e la violenza” commesse contro questo gruppo di persone e chiede agli Stati di “sanzionare” le cariche pubbliche che “insultano o stigmatizzano” omosessuali e transessuali.

Poiché insulti, calunnie e diffamazioni sono puniti da norme già esistenti (e valide erga omnes, dato che un tempo la legge si faceva pensando in termini generali e non per interessi lobbistici da far valere), tutto lascia pensare che l’invocata sanzione contro chi insulta gli omosessuali sia in realtà un tentativo di mettere a tacere chi sull’argomento ha idee differenti dal nuovo conformismo.

Giuliano Lebelli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × uno =