Naufragio Scicli: a bordo barcone 150-200 personeFirenze, 6 Ott – Oltre al triste primato economico, la disgraziata operazione “Mare Nostrum” mette a segno un altro tragico record: mai come nel 2014, infatti, le morti di migranti in mare erano state così tante. E’ passato esattamente un anno da quando, al largo delle coste di Lampedusa, morirono annegati 368 africani. In quell’occasione, all’accorata preghiera del Pontefice, fece eco l’esecutivo progressista – cattolico dell’allora premier Letta, aprendo quel costosissimo corridoio umanitario, pagato dai soldi dei cittadini italiani, che ad oggi costa all’erario quasi un miliardo di euro l’anno. A tutto vantaggio non già dei migranti stessi, ma degli scafisti e dei commercianti di profughi.

Con la copertura offerta dalla marina militare italiana, infatti, da quel momento non era più necessario studiare il meteo e le correnti marine prima di ammassare centinaia di disperati su un traballante relitto e trasportarlo in acque internazionali. Una semplice telefonata alla capitaneria di porto sarebbe bastata a condurre il lavoro a buon fine, riducendo al minimo il rischio che scafisti e criminali potessero essere individuati ed arrestati. L’ennesimo pasticcio di una politica non già basata sul ruolo che lo Stato deve avere nei contfronti dei problemi (ovvero stabilire una linea e portarla avanti) ma alimentata dalla necessità tutta elettorale di “tendere la mano”, di “affrontare l’emergenza”: in sostanza, di elargire favori temporanei a spese della collettività.

E così si arriva al drammatico bilancio dei 2200 morti in mare negli ultimi tre mesi, che si sommano ai 1900 deceduti dall’inizio dell’anno a Giugno. Mai così tanti. Al punto che gli stessi esponenti del governo, accorsi oggi a Lampedusa a piangere lacrime di coccodrillo nell’anniversario del grande naufragio, vengono contestati dai cittadini esasperati, che non accettano il principio per il quale l’Italia deve sentirsi colpevole di ogni tragedia che accade al largo delle nostre coste.

Francesco Benedetti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci + uno =