Camera.Taglio degli stipendi dei deputatiAggiornamento ore 12.45: Incassata dal governo la prima fiducia di oggi, dopo quella già ottenuta ieri. Si votava sull’articolo 2 della riforma elettorale. In lieve calo i sì, che scendono da 352 a 350 rispetto al voto di ieri, ma scendono anche i no, da 207 a 193. Ora si prosegue per il secondo voto odierno.

Roma, 30 apr – Il primo dei tre voti di fiducia sull’Italicum è stato archiviato ieri con 352 sì contro 207 no e in Consiglio dei Ministri, secondo le indiscrezioni riportate da alcuni organi di stampa, il premier Matteo Renzi avrebbe esultato, facendo un po’ di conti: “Sul Jobs act – sono le parole attribuite al presidente del Consiglio – gli assenti della minoranza pd furono trentatrè. Rispetto ad allora, sull’Italicum hanno espresso il loro dissenso un ex presidente del Consiglio, un ex presidente del partito e due ex segretari del partito. Bene: a quanti sono arrivati dopo questo annuncio? Quanto fa trentatré più quattro? Ecco. Si può dire che, messi tutti insieme, Letta, Bindi, Epifani e Bersani hanno aggiunto alla minoranza solo loro stessi”. Ma è ancora presto per cantare vittoria. Oggi, infatti, alla Camera vanno in scena altri due passaggi decisivi per le sorti della legge elettorale. A metà mattina l’Aula si pronuncerà sull’approvazione, senza emendamenti e articoli aggiuntivi, dell’articolo 2 della riforma. Nel pomeriggio sarà votata la fiducia sull’articolo 4. La minoranza dem riuscirà oggi dove ha fallito ieri?

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 + sette =