bandieraPd-napoli-300x225Roma, 6 ott – La notizia è di quelle toste. Ne hanno parlato nei giorni scorsi Repubblica e Corriere: il Partito Democratico, nel 2014, ha perso 400 mila tessere. Puff, sparite, bella ciao, volatilizzate. Dei 500 mila iscritti del 2013 ne resterebbero attivi poco più di centomila; ma su Repubblica il dubbio si fa pesante. Voci di corridoio bisbigliate al Nazareno parlano di una base militante ridotta al lumicino: 60 mila tessere, non di più. Numeri da movimento giovanile dei bei tempi andati, quando la partecipazione politica era una cosa seria.

Renzi ha fatto spallucce: quel che contano sono i voti, non le tessere. Ecco dunque delinearsi il peggior modello di partecipazione politica: un ibrido yankee-italiota. Da un lato il voto senza peso, senza militanza, senza volontà e immagine sociale: il voto americano, dove la democrazia si riduce a sottopercenutale iconica di una massa informe, pronta ad accettare qualsiasi riforma, qualsiasi decisione, conscia della propria irrilevanza quotidiana.

Dall’altro, il vecchio vizio italiota della clientela, del familismo e della furbizia spacciata per sensibilità morale, spalmata fra onlus per migranti, centri integranti ed intriganti, boy scout: tutti in coda nel 2013, con tessera pagata dal capobastone di turno, per il congressone “democratico”.

Certo, questo su Repubblica e Corriere non lo si può scrivere, ma non ci vuole una grande inchiesta giornalistica per capire quanto abbia influito la stagione congressuale sul crollo dei rinnovi. Sta di fatto che, come in Francia, la rappresentanza popolare e del lavoro non ha più un referente politico preciso: la frattura fra società reale e società rappresentata è ormai del tutto compiuta.

Come sostenuto da Marine Le Pen nell’ultimo anno e mezzo, la faglia di scontro fra la volontà e le esigenze popolari e le politiche dei tecnocrati si va identificando nel sofismo e nelle menzogne delle Elites ostili che ci governano. Di tanto in tanto il loro velo cade, essendo così delicato l’equilibrio su cui poggia, lasciando intravedere praterie di impegno e vera rappresentanza sociale, nuovamente al di là di destra e di sinistra.

Giacomo Petrella

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 + 19 =