bambini-scuola-stranieri-e1380522959599

Bologna, 6 nov – Ghetto o integrazione? E’ polemica a Bologna per il progetto sperimentale avviato dalla scuola “Besta” (interna all’Istituto Comprensivo 10),  dedicato ad adolescenti arrivati in Italia attraverso i ricongiungimenti familiari e quindi con poca padronanza della lingua italiana e che ha scatenato un vero e proprio putiferio. Il progetto è nato a fine agosto quando le famiglie hanno chiesto l’iscrizione per i propri figli, alcuni impossibilitati a frequentare altre scuole per l’esaurimento dei posti disponibili. L’hanno chiamata “classe liquida”, è composta da 22 studenti, tutti di origine straniera, di età variabile tra i 10 e i 15 anni, giunti in Italia attraverso ricongiungimenti familiari.

L’idea non è piaciuta al deputato Sel Giovanni Paglia per il quale questa classe “per soli stranieri lede il carattere inclusivo e democratico della scuola pubblica”. Della stessa idea la democratica Sandra Zampa, vice presidente della Commissione Infanzia e Adolescenza, secondo cui “una classe di soli stranieri, una classe ponte, è un assurdo. I bambini vanno accolti a scuola, come ovunque, tenendo conto della sovranità del principio, sancito nella Convenzione di New York e ratificata dal nostro Paese, che ci impone sia garantito, sempre, il superiore interesse del minore”. Per il preside dell’istituto, Roberto Panzacchi, la classe “non è un ghetto ma è stata istituita per integrare”.

Saverio Andreani

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 4 =