imagesRoma, 23 gen – A partire dal 2008, con la famigerata “riforma Gelmini”, le ore di insegnamento di Storia dell’arte vennero tagliate o, in rari casi, ridotte drasticamente. Il 31 ottobre 2013, in seguito a numerose battaglie e petizioni, giunge in Commissione Cultura Scienze e Istruzione della Camera l’emendamento che propone il ripristino dell’insegnamento della storia dell’arte nelle scuole.

L’ emendamento viene bocciato. Ripristinare l’arte nelle scuole “significherebbe aumentare una spesa che è stata tagliata perché il Paese non è in grado di sostenerla” – si legge nell’atto ufficiale.

 Scrive Tina Lepri, giornalista e critica d’arte: “La scuola italiana di Storia dell’arte era da sempre un modello in Europa, introdotta dalla riforma Gentile del 1923. Oggi i dati Ocse descrivono la nostra scuola «ignorante», precipitata agli ultimi posti, vicina al Montenegro e alla Tunisia. Questo mentre altri Paesi, come Francia, Austria e Portogallo, si ispirano alle discipline della Storia dell’arte e del Disegno secondo le linee pre riforma Gelmini, e la introducono anche nelle classi elementari”. Anche nell’ultimo decreto sull’istruzione, fortemente voluto dal Ministro Carrozza, non si è espressa una sola parola sulla storia dell’arte. Sparirà dunque il sentimento di stupore che i liceali provavano di fronte al Partenone o a Giotto o a Botticelli, dopo averli duramente studiati per mesi in aula.

Dunque l’Italia non muore solo per la disoccupazione giovanile al 41%, per la povertà dilagante, il debito pubblico e le privatizzazioni.

Ci sono almeno due ragioni per cui è folle eliminare l’insegnamento dell’arte nelle scuole:

-Innanzitutto l’arte italiana potrebbe essere un incredibile motore economico.È noto a tutti che a fronte di un patrimonio invidiabile ed unico corrisponde una gestione approssimativa delle nostre bellezze. Ormai celebri nel mondo sono diventati i crolli di Pompei, il degrado del Colosseo, i pochi visitatori del Museo Nazionale di Reggio Calabria dove sono custoditi i Bronzi di Riace.  Gli Stati Uniti ad esempio, che possiedono meno della metà dei nostri siti, riescono a guadagnare 16 volte in più dell’Italia grazie ai loro musei.

-Inoltre un popolo incapace di conoscere le proprie radici e di elevarsi tramite il Bello è destinato a morire.  Non c’è civiltà senza arte e non c’è arte senza civiltà. Nella parola arte c’è il radicale indoeuropeo *ar-, lo stesso che indica eccellenza, regalità, nobiltà. Lo stesso radicale che in sanscrito, nella parola “rti”, assume il significato di “muovere”, “suscitare”. L’arte, per i nostri antenati, è uno dei mezzi che suscita il Bello e funge da supporto al divino. Ecco perché fino al Medioevo gli artisti rimanevano anonimi e impersonali.

Simbolo della nostra epoca non è più la colonna dorica ma la banca: mentre Pompei crolla si stanziano miliardi di euro per salvare le banche e compiacere l’Europa.

Roberto Guiscardo

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × cinque =