Londra, 28 ago – Una bambina inglese, bianca, battezzata, affidata a una coppia di immigrati, musulmani osservanti. È scandalo, nel Regno Unito, dopo l’articolo del Times che ha reso noto il dramma della piccola. Accade a Londra, dove i servizi sociali del distretto di Tower Hamlets (dove solo il 31% della popolazione è bianco) hanno affidato una bambina cristiana di 5 anni a due famiglie di musulmani osservanti nonostante l’opposizione dei genitori. Un cambio repentino di abitudini, per la bambina: via la collanina con il crocifisso, niente più spaghetti alla carbonara, il suo piatto preferito, perché il bacon è alimento proibito. Un supervisore dei servizi sociali, che ha chiesto l’anonimato, ha raccontato che la bambina piange perché nella famiglia affidataria “non parlano inglese”.

Eppure la legge richiede che, nella scelta dell’affido, si tengano presenti “la religione, il background linguistico e culturale, la razza”. Sarebbe peraltro la seconda famiglia musulmana ad aver ricevuto la tutela della piccola: nella prima la madre indossava il niqab, in questa le donne si mettono il burqa per uscire di casa. I racconti che trapelano circa la nuova vita della piccola sono drammatici: sembra che alla bambina venga raccontato che “Pasqua e Natale sono feste stupide” e che “le donne europee sono alcolizzate e idiote”. “Questa è una bambina bianca, inglese, che ama il calcio ed è stata battezzata in una chiesa. Ha già subito il trauma di essere separata dai genitori e ha bisogno di essere circondata da una cultura che conosce e ama. Invece è intrappolata in un mondo che non conosce e la spaventa”, ha riferito un amico di famiglia.

Roberto Derta

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 + 16 =