nutellanomiRoma, 12 ott – Bere, mangiare, telefonare, vestire con prodotti “costruiti intorno a te”, che ti corteggiano, ti fanno sentire “uno speciale”, non un numero nelle massa. Sembra essere questa la filosofia dominante alla base delle strategie di marketing dei principali brand a livello mondiale.

 

L’ultima arrivata è la Nutella: la crema spalmabile alle nocciole famosa in tutto il mondo ha infatti lanciato la campagna “Youtella”, basata sulla possibilità di ricevere a casa un’etichetta con il proprio nome da attaccare su quella originale sulle confezioni da 400 e 750 grammi. Ma Nutella è solo l’ultima arrivata.

 

Prima è toccato a “Your Heineken”, che ha permesso ai clienti di disegnare e personalizzare la propria bottiglia Heineken aggiungendo testo e foto. Poi i gelati Magnum personalizzati nei “Magnum Pleasure Store ” di New York, Shangai, Milano, Toronto e Sydney. E ancora le scarpe personalizzate di Nike ID o le lattine di Coca-Cola in vendita con i 150 nomi più diffusi in Italia.

 

Che sta accadendo nel mondo delle multinazionali? È evidente che il consumismo – di per sé forse mai potente come oggi – sta cambiando volto. Meglio, lo ha già cambiato da tempo, ma oggi la tendenza è più palpabile perché è giunta all’apice. Il consumismo hard, quello dall’immagine aggressiva, conquistatrice, darwinista, che prometteva ai clienti di una data marca sesso, soldi, fama, successo, è ancora sussistente, ma in qualche modo già superato. Il nuovo consumismo è avvolgente, diffuso, morbido. Non ti dice di diventare come tutti gli altri, uniformandoti in modo standardizzato grazie alla marca. È la marca, semmai, che viene incontro al tuo particolarissimo ego e si propone di fungere da vettore per emozioni e vissuti individuali.

 

Devi comprare un iPhone come milioni di altre persone, certo, ma non per essere più cool, solo per vedere anche a migliaia di chilometri di distanza i primi passi del tuo bebé. Alla fine ti uniformerai lo stesso, ma credendo di coltivare la tua nicchia di irriducibile particolarità. E potrai finalmente bere da una lattina che ti dà del tu.

 

Adriano Scianca

 

 

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + uno =