dpc
clicca sull’immagine per accedere all’Avviso meteo e di critictà emesso dal DPC

Roma, 15 mar – Una fine dell’inverno drammaticamente anomala sul piano meteorologico: mentre cicloni di enorme potenza battono l’artico portandovi tempeste per noi difficili anche da immaginare, una vastissima area di alta pressione staziona sull’Europa centro-settentrionale e orientale, guidando masse d’aria fredda dalla Russia verso le Alpi e quindi sul Mediterraneo occidentale. Qui, su un mare relativamente caldo e comunque più del normale, per conseguenza si sviluppano uno dietro l’altro piccoli ma profondi cicloni.

Il precedente ha portato la storica tempesta di vento sulla Toscana, insieme a danni per 400 milioni di euro.

Il secondo si è appena formato, un po’ più al largo tra le isole Baleari, la Sardegna e la Corsica, e sta portando alla confluenza di forti correnti di scirocco sul basso e medio tirreno con le predette masse d’aria fredda sulle Alpi. L’epicentro, per così dire, di questa confluenza, e quindi del maltempo, sarà proprio a ridosso delle alpi occidentali, tra la Liguria di ponente e il Piemonte occidentale; secondariamente, sulla Toscana.

precipitazioni-martedì17
Intense precipitazioni previste per martedì 17 su Liguria di ponente e Piemonte

Il bollettino di allerta per condizioni meteo e idro-geologiche avverse emesso dal Dipartimento nazionale della Protezione Civile parla chiaro: tra domenica 15 e martedì 17 sono attesi fino a 250 millimetri di pioggia a ridosso delle alpi Marittime e Cozie, tra Piemonte sud-occidentale – province di Cuneo e Torino – e Liguria occidentale – province di Imperia e Savona. Un po’ meno, ma sempre oltre 150 millimetri, sulle restanti alpi piemontesi. La neve cadrà abbondante – fino a 2 metri – su queste montagne, oltre gli 800-1000 metri, localmente a quote più basse nel cuneese.

Sempre sulle stesse zone di Piemonte e Liguria, le fasi di maltempo più intenso sono previste nel pomeriggio di domenica 15 e nella giornata di martedì 17, ma senza sostanziali interruzioni per quasi 72 ore.

Nel pomeriggio di domenica 15, nella mattina di lunedì 16 e nella mattina di martedì 17 sono attese anche le fasi più consistenti delle precipitazioni sulla Toscana centro-meridionale, in particolare sui bacini idrografici della provincia di Grosseto: fino a 150 millimetri di precipitazioni, con temperature decisamente superiori a quelle del Piemonte e quindi piovose fino alle quote più alte.

meteonazionale2-200
Il Meteo Nazionale

Nella giornata di martedì 17 non è escluso che precipitazioni intense possano interessare anche la parte più occidentale della Sicilia – province di Trapani e, in parte, di Palermo.

Su tutte le predette zone saranno possibili locali situazioni di crisi idrogeologica: allagamenti e frane.

Per tutto il periodo si prevedono anche venti particolarmente intensi, fino a burrasca e localmente con raffiche fino a 100 km all’ora, occasionalmente superiori, su tutto il mar Tirreno, con particolare intensità sulla Sicilia occidentale nella giornata di lunedì 16, e sempre molto sostenuti sull’arcipelago toscano.

Oltre a seguire il Meteo Nazionale su questo giornale, si raccomanda di seguire gli avvisi di allerte e criticità meteorologica e idro-geologica della Protezione Civile nazionale e delle varie Regioni.

Francesco Meneguzzo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + sei =