Auto elettriche di massa? Ora si può, grazie a uno studio italo-cinese

Graphical_Abstract

Abstract grafico dell’articolo scientifico

Palermo, 10 apr – Le nuove membrane a basso costo per economiche celle a combustibile alimentate a idrogeno attese da decenni. Nuovi polimeri compositi ad altissime prestazioni e nuovi elettrodi per le batterie ad alta densità energetica e ricarica rapida richieste dalle auto elettriche.

Sono queste le prime applicazioni industriali identificate da un team di ricerca italo-cinese guidato dai ricercatori Mario Pagliaro del Cnr – Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati (Ismn) di Palermo, e Yi-Jun Xu della Università di Fuzhou in Cina, in un articolo scientifico, cui è dedicata la copertina del numero corrente della prestigiosa rivista Chemical Communications, dal titolo “Commercialization of graphene-based technologies: a critical insight”, Chemical Communications

Il costo proibitivo del grafene prodotto con i metodi convenzionali – sostiene dice Mario Pagliaro, che ha coordinato lo studio al Cnr di Palermo – ne ha largamente impedito le applicazioni pratiche. Dare adesso all’industria una roadmap chiara, con pochi punti in ordine di priorità è fondamentale. Dopo, lo sviluppo massivo dell’industria del grafene si tradurrà in un profondo cambiamento tecnologico di molti settori industriali”.

Image 1x1.trans

Celle a combustibile a idrogeno a servizio di un veicolo elettrico

Le nuove batterie e le fuel cell a idrogeno sono le tecnologie necessarie a risolvere il problema dell’intermittenza dell’energia solare e a rendere possibile la piena transizione dall’epoca dei combustibili fossili a quella ad energia solare. Straordinariamente leggero, robusto e al contempo flessibile, ma anche capace di condurre efficacemente il calore e l’elettricità, il grafene è in grado di conferire proprietà nuove e migliori a moltissimi materiali di uso quotidiano.


I nuovi metodi chimici per esfoliare la grafite sviluppati e industrializzati negli ultimi 18 mesi – afferma Yi-Jun Xu della Fuzhou University – aprono la strada a numerose importanti applicazioni.”

Il carbonio sotto forma di grafene – aggiunge Mario Pagliaro – darà un contributo fondamentale al risanamento  ambientale rendendo possibile la mobilità elettrica di massa. E fa piacere, – conclude il ricercatore siciliano, – che sia italiano il maggiore produttore europeo di grafene a basso costo”.

Una storia industriale già di grande successo, quest’ultima, che potrà trarre ulteriore beneficio dalla ricerca guidata dal Cnr, in un ciclo virtuoso tutto italiano.

Francesco Meneguzzo

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.