Innovazione: il popolo degli inventori fanalino di coda in Europa

innovationRoma, 7 mar – Eravamo conosciuti come il popolo di artisti, navigatori ed inventori, ma oggi l’Italia occupa gli ultimi posti nella graduatoria dei Paesi dell’Unione. E’ quanto emerge da due rapporti della Commissione Ue che valutano il grado di innovazione dei 28 e delle loro regioni.

Un’analisi della “Innovation Union Scoreboard” della Commissione Ue ha evidenziato che l’Italia presenta “Risultati inferiori alla media unionale per la maggior parte degli indicatori”. Lo conferma anche il vicepresidente Antonio Tajani affermando che il nostro è un “è un paese che arranca”. Solo Piemonte, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia sono sopra la media e si situano tra le regioni che tengono il passo con l’innovazione.


Le cause, secondo quanto emerso dall’analisi, sarebbero il basso numero di dottorandi extraeuropei ma soprattutto dalla scarsa collaborazione tra le pmi più innovative; gli unici punti di forza stanno nelle co-pubblicazioni scientifiche internazionali e nei disegni e modelli dell’Ue.

Ma se “per quanto riguarda i dottorandi extraeuropei, le entrate dall’estero derivanti da licenze e brevetti, le co-pubblicazioni scientifiche internazionali e i marchi” si ha invece un rallentamento della crescita di investimenti per quanto riguarda il comparto Research & Development.

eu-innovation-index-sin-logoQuindi, nonostante in termini complessivi l’Europa sta lentamente colmando il divario con gli Usa e Giappone, le differenze all’interno dell’Unione restano decisamente elevate. Ancora una volta sono i Paesi Nordici a condurre la partita con Danimarca, Finlandia, Germania e Svezia in testa, mentre  altre nazioni come Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Slovenia e Gran Bretagna riescono pur non brillando riescono comunque a tenere il passo.

A noi spettano nuovamente gli ultimi posti, nell’attesa che la classe politica esca dal suo torpore e si renda conto che ricerca ed innovazione sono l’unica speranza per risollevare un Paese che, per occupare il posto che gli spetta, deve perseguire la strada dell’eccellenza.

 Cesare Dragandana

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.