Alfa RomeoNon hanno avuto al lancio il successo sperato, ma hanno conquistato nel tempo il cuore degli italiani. Sono i modelli al centro della classifica di AutoScout24, principale sito internet di annunci auto in Europa.

La Top 10 delle auto sottovalutate del passato e oggi più ricercate è stata realizzata analizzando l’interesse degli utenti nell’ultimo anno. Oltre 400 i modelli presi in considerazione, tutti caratterizzati da un numero di ricerche superiore alle 100.000. Ecco quindi quali sono quelli che, malgrado gli anni trascorsi, godono ancora di ottima salute.

Al primo posto, la Ferrari Mondial. Lanciata come Mondial 8 nel 1980, non convinse gli amanti del Cavallino Rampante per le basse prestazioni, dovute a un peso eccessivo. Eppure, si tratta dell’auto che ha introdotto le grandi griglie laterali, mantenute anche sulla leggendaria Testarossa. Affidata nel design alla Pininfarina, è oggi molto apprezzata anche per il prezzo medio relativamente basso, 40 mila euro.

Segue la Maserati Biturbo, il sogno di Alejandro de Tomaso. È il 1982, e una nuova berlina dalle linee tese e aggressive mira a conquistare un mercato di massa. Fu indebolita all’epoca da problemi di affidabilità, causati probabilmente da tempi di progettazione troppo sostenuti.  Simbolo dei ruggenti Anni ’80, è ancora nel cuore degli italiani, per un prezzo medio di 11 mila euro.

 

La Casa di Maranello è nuovamente sul podio con la Ferrari Dino GT4. Presentata nel 1973, non convinse i fedelissimi del brand nonostante le linee scolpite da Marcello Gandini per Bertone. Tra i suoi primati, l’essere stata la prima Ferrari quattro posti con motore centrale posteriore. Oggi, per la sua particolarità, è molto amata dai collezionisti. 44 mila euro il suo prezzo medio attuale.

E che dire della Volkswagen-Porsche 914, qui in quarta posizione? Un simbolo dello spirito innovativo degli Anni ’70, con le due Case teutoniche insieme alla guida del progetto. Energica e scattante, era rivolta però a platee inconciliabili. Troppo costosa per i seguaci della Casa di Wolfsburg, era allo stesso tempo poco performante per gli amanti del Cavallino di Stoccarda. Prezzo ad oggi, circa 20 mila euro.

Spazio anche a Fiat, con la Fiat 130. Proposta nel 1969, sopravvisse fino al 1977. Dispendiosa dal punto di vista dei consumi, era poco in linea con lo spirito del tempo, gravato da pesanti disordini di natura sociale ed economica. Con la sua classicità innata, è entrata però nell’immaginario collettivo. I suoi ammiratori possono acquistarne una al prezzo medio di 8.700 euro.

lancia gammaIn sesta posizione la Lancia Gamma, presentata nel 1976 in versione berlina. L’anno successivo è la volta della coupé. Fu la berlina, in particolare, a risultare incompresa. Appesantita dai lunghi tempi di progettazione, fu percepita come superata. Ma i suoi fan ancora ne apprezzano le linee decise, che la rendono un emblema del decennio che l’ha vista nascere. Il suo prezzo medio è di circa 5.500 euro.

Design percepito come obsoleto anche per l’Alfa Romeo Alfa 6, qui al settimo posto. Presentata nel 1979, fu concepita nei primi Anni ’70. Ma la grave crisi energetica di quegli anni spinse il management a spostarne il lancio per gli elevati consumi. Per la somiglianza con la sorella minore, fu denominata “Alfona”. Ma fu la prima a montare il mitico motore V6 Busso. Costo medio attuale, 8.700 euro.

Ottava classificata, la Citroën SM. Nata dall’incontra tra Citroën e Maserati, viene pensata già alla fine degli Anni ’50. Obiettivo, sganciare il marchio francese da un’immagine ritenuta troppo popolare. Apprezzate le linee affusolate, meno il motore delicato e complesso, che gli rese fama negativa presso proprietari e meccanici. 31.500 euro il suo prezzo medio al momento.

 

https://www.youtube.com/watch?v=swn32-s0Ruc

E poi, ancora, la mastodontica Fiat Argenta del 1981. Pochi anni di vita, per un’auto sfarzosa ed elegante. Simbolo del desiderio di riscatto dei mitici Anni ’80, porta con sé un complesso di inferiorità. Quello verso la fortunata Fiat 132, che andò a riprendere. Oggi è possibile averne una per circa 2.220 euro.
Chiude la classifica la Renault 6, sorella maggiore della più celebre R 4. Non funzionò il cambio di strategia della Casa francese, che a progettazione conclusa riposizionò il modello su un gradino più alto. Proposta nel 1968, ebbe numeri di vendita discreti ma mai pienamente soddisfacenti. Prezzo medio, 2.000 euro.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here