juveBerlino, 7 giu – Hanno vinto i più forti. Non di una partita, ma del mondo. Il Barcellona delle meraviglie porta a casa meritatamente la sua quinta Champions League, ma la Juventus perde con onore e paradossalmente esce da questa finale con la consapevolezza di essere sul punto di conseguire una maturazione importante anche in chiave europea.

Per la Juve è la sesta finale di Coppa dei Campioni persa, uno sfortunato record europeo, anche se questa fa un po’ storia a sé, si tratta di una partita che ha poco a che vedere con le notti stregate di Atene e Monaco, dove la squadra favorita ne è uscita battuta per una specie di maledizione.

Stavolta è stata una vittoria anche solo arrivarci, sul tetto d’Europa. La geopolitica del calcio è cambiata, in questi ultimi anni, e oggi un’italiana in finale con una spagnola fa la figura dell’outsider, della Cenerentola. Tale comunque non si è voluta sentire la Juve, che si è imposta anche mentalmente, nelle dichiarazioni della vigilia, di pensarsi alla pari con il Barcellona. Non era vero, ma si trattava di non entrare in campo già sconfitti.

Il 3-1 finale è probabilmente bugiardo, e infatti arriva all’ultimo secondo, ma la partita è stata tesa e tirata, come si conviene a una finale. La differenza l’hanno fatta i tre davanti: Messi, Suarez e Neymar, sorretti da un centrocampo stellare.

Quando attacca, il Barcellona è impressionante. Vedasi il primo gol, dopo soli 3 minuti: una serie di passaggi che sembrano usciti da uno schema provato in allenamento, senza avversari. In difesa, invece, la squadra di Luis Enrique torna umana, e infatti quando attacca la Juve capisce di poter far male. Il problema è portarcelo, il pallone, nella loro metà campo.

Per dieci minuti, dopo l’1-1 firmato Morata e nato da una magia di Marchisio, la Juve gioca persino meglio: segno che oltre alla differenza tecnica a pesare era anche una certa dose di soggezione mentale. Sgombrato il campo dalla paura, la Juve si fa più arrembante e il Barcellona, incredibilmente, soffre. Ci sarebbe anche un rigore non fischiato su Pogba, ma subito dopo arriva il gol di Suarez che brucia le speranze bianconere, anche se gran parte del merito sulla rete è di un fantastico Messi a cui è mancato solo di segnare.

La Juve accusa il colpo ma non molla. I catalani non si scompongono e a tempo quasi scaduto riescono a trovare la strada per il terzo gol, con Neymar. Vincono, meritatamente, i blaugrana.

Il tempo di rientrare a Torino e godersi il calore dei tifosi, che certo non possono lamentarsi per un’annata comunque straordinaria, ed è già ora di guardare avanti. In casa bianconera il futuro si chiama Dybala e Kedhira. Due acquisti importanti, che nelle intenzioni di società e tifosi dovranno riportare la società a vincere anche in Europa.

Adriano Scianca

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × quattro =