Tel Aviv, 7 set – Ieri pomeriggio con la qualificazione già in tasca, l’Italia ha vinto 69-71 una gara emozionante fatta di alti e bassi contro una Georgia mai doma. Pachulia e co. vengono eliminati dalla vittoria dell’Ucraina su Israele. Le solite amnesie offensive riportano i georgiani in gara e si decide tutto negli ultimi secondi grazie a un super Datome che stoppa Shermadini sulla sirena. Negli ottavi l’Italia evita quindi lo scontro con la Slovenia di Dragic e Doncic, a punteggio pieno nel girone A. Il prossimo avversario degli azzurri sarà la sorprendente Finlandia di Markkanen, talentuosa ala ventenne dei Chicago Bulls.

Con la Georgia inizio partita fantastico per gli azzurri che mettono in atto un gran gioco in attacco, le triple di Belinelli e la grande difesa azzurra creano il solco per il primo parziale 2-16 in avvio. La Georgia non vede mai il canestro (2 su 15 dal campo) e gli azzurri la puniscono chiudendo il primo periodo sul 10-27. Nel secondo quarto l’Italia si smarrisce, più di 6 minuti senza segnare un canestro, i georgiani ne approfittano piazzando un parziale di 15-0 che li fa rientrare in partita. Shengelia segna il canestro del -3 Georgia, il capitano Gigi Datome spezza l’inerzia e dà fiducia agli azzurri subendo fallo in attacco da Pachulia e stoppando da dietro uno Shermadini pronto a schiacciare i punti del pareggio. Negli ultimi due minuti una tripla del solito Belinelli e il canestro di Aradori ci fanno respirare e la prima frazione si chiude sul +8 Italia (30-38).

Continuano i problemi per gli azzurri in attacco, pessimo 0 su 6 dal campo, la Georgia si fa di nuovo sotto con un canestro di Zaza Pachulia, al quale risponde con una grande schiacciata Melli su assist di Filloy. In difesa Cusin e Melli sono monumentali, la tripla di Aradori e il gioco da 4 punti di Belinelli ci portano di nuovo ad un vantaggio in doppia cifra (+10). Negli ultimi due minuti due triple di Dixon tengono a galla la Georgia, Filloy con un tiro in corsa d’altri tempi e Biligha con un piazzato allo scadere portano gli azzurri sul +11 (47-58). Ultimo quarto al cardiopalma, dopo un mini parziale azzurro con i canestri di Hackett e Aradori (51-64), non sfruttiamo i tiri liberi concessi dalla difesa georgiana (pessima serata con 7/16 ai liberi) e due schiacciate di Pachulia e Shengelia al 5′ riaprono la rimonta della Georgia. Dixon e Sanadze da tre portano riducono il vantaggio azzurro a +2 (63-65). Un canestro di Filloy sblocca l’Italia dopo 5 minuti a digiuno, ma il canestro di Shengelia, convalidato su tocco della retina di Datome, e la tripla del solito Dixon (29 punti) firmano il sorpasso Georgia a un minuto e mezzo dal termine(68-67).

La palla recuperata di Belinelli e il canestro di Hackett ci riportano in vantaggio (68-69), Dixon sbaglia la tripla del possibile contro sorpasso georgiano e Aradori dalla lunetta ci porta a tre lunghezze di vantaggio. Sul 68-71 Hackett manda Dixon dalla lunetta a 3 secondi dal termine, il play georgiano segna il primo e sbaglia di proposito il secondo. A rimbalzo la spunta Shengelia che serve Shermadini sotto canestro ma Datome lo stoppa clamorosamente e viene travolto dalla gioia della panchina azzurra. L’Italia conquista il terzo posto, ma quanta sofferenza in una gara per larghi tratti dominata.

GEORGIA – ITALIA 69-71 (10-27; 30-38; 47-58)

Georgia: Dixon 29 punti, Shengelia 12, Shermadini 11.

Italia: Belinelli 15, Datome 14, Aradori 12.

LE ALTRE GARE DEL GIRONE B

GERMANIA – LITUANIA 72-89

ISRAELE – UCRAINA 64-88

CLASSIFICA FINALE GIRONE B

1. LITUANIA 9 PUNTI (4-1)

2. GERMANIA 8 (3-2)

3. ITALIA 8 (3-2)

4. UCRAINA 7 (2-3)

5. GEORGIA 7 (2-3)

6. ISRAELE 6 (1-4)

Guido Bruno

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here