blatterRoma, 2 giu – L’inchiesta sulla Fifa segna un ulteriore colpo di scena: Joseph Blatter, rieletto quattro giorni fa alla guida della federazione internazionale nonostante le pesanti ombre sulla sua gestione, darà le dimissioni.

A far precipitare gli eventi è stato il coinvolgimento del suo braccio destro, Jerome Valcke. Sembra infatti che il numero due della Fifa fosse stato informato personalmente dalla Federazione Sudafricana di calcio dei 10 milioni di dollari da girare sul conto controllato dal presidente della Concacaf, la Confederazione nord e centro americana. Lo testimonia una mail, datata 4 marzo 2008.

LEGGI ANCHE: Quali sono i veri motivi geopolitici dell’inchiesta sulla Fifa?

Valcke sapeva, quindi. E di conseguenza anche Blatter. Il quale adesso resterà in carica fino alla fine dell’anno, dopodiché un congresso eleggerà il suo successore.

“Il mio profondo attaccamento alla Fifa – ha dichiarato – mi ha spinto a questa decisione. Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto alla presidenza della Fifa e che hanno fatto per il calcio. Quello che conta per me è la Fifa e il calcio. Organizzerò un congresso straordinario per eleggere un nuovo presidente. Non voglio restare, adesso sono libero dai vincoli di un’elezione. Sarò in grado di concentrarmi sulle profonde riforme. Per molti anni abbiamo chiesto riforme, ma queste non sono sufficienti”.

E ora scatta ovviamente il toto-successore.

Uno dei nomi emersi nelle ultime ore è quello dell’ex calciatore brasiliano Zico, attualmente allenatore dell’Indian club Goa. L’ex campione dell’Udinese ha scritto sulla sua pagina Facebook di non vedere motivi per non farlo: “Perché no? La mia vita è sempre stata legata al calcio”. Ma al momento non ha sostenitori.

Strada in salita anche per Michel Platini: il presidente della Uefa non ha infatti i giusti appoggi politici, a cominciare dalla stessa federazione francese.

Più probabilità le ha Wolfgang Niersbach, il 64enne presidente della DFB. Ma potrebbe rifarsi sotto anche Ali bin al-Hussein, il principe giordano battuto venerdì scorso da Blatter.

Tra gli ex campioni che potrebbero andare a dirigere il calcio mondiale, occhio a Luis Figo e a Gary Lineker. In caso di elezione di quest’ultimo, i sospetti sul “colpo di Stato calcistico” a firma anglo-americana potrebbero essere confermati.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here