morataTorino, 6 mag – Non concedere nulla, colpire quando se ne ha l’occasione: in fondo la ricetta per battere le grandi squadre è semplice. Semplice per modo di dire, ovviamente.

Contro il Real Madrid, nella semifinale d’andata di Champions League di ieri sera, la Juventus ha concesso due sole palle agli spagnoli: la prima è finita nella rete alle spalle di Buffon, la seconda si è stampata sulla traversa. Di occasioni agli avversari, invece, i madridisti ne hanno concesse parecchie. Tevez e compagni ne hanno sfruttate due e va bene così.

Finisce 2-1, allo Juventus Stadium, e forse rispetto ai pronostici per il passaggio del turno cambia poco: al Real basterà vincere 1-0 per aggiudicarsi il pass per Berlino e dato che Cristiano Ronaldo segna almeno un gol a partita…

Insomma, l’impresa della Juventus non è tale perché garantisca chissà che sogni tranquilli a Massimiliano Allegri. È più l’aspetto simbolico che colpisce. Battere i campioni d’Europa in carica, essere tra le prime quattro e dimostrare di starci con merito, guardare negli occhi Cr7 e sostenere lo sguardo di sfida senza più timori reverenziali.

Indubbiamente fortunata nei precedenti sorteggi che l’avevano messa contro Borussia Dortmund e Monaco (ammesso e non concesso che agli ottavi e ai quarti di Champions la fortuna esista davvero), la squadra bianconera ha dimostrato di non essere una miracolata.

Dal punto di vista tecnico, tattico e caratteriale, la Juve c’è, ora l’ambiente lo sa. Così come sa che il match di ritorno potrebbe ribadire le gerarchie europee consolidatesi negli anni, quelle gerarchie che hanno fatto esultare i giornalisti spagnoli quando il Real ha trovato nell’urna la compagine bianconera.

Ma nessuna gerarchia è eterna, tutto sta a vedere se il momento del ribaltone sia già arrivato o meno. Vada come vada, un punto fermo lo si può già mettere: la Juve di Allegri, la Juve di Tevez e Morata, di Chiellini e Bonucci, di Pirlo e Pogba, sta costruendo qualcosa di importante.

La consapevolezza mostrata sia in campo che fuori, la capacità di non esaltarsi dopo il vantaggio e di non farsi schiacciare dopo il pareggio madridista, lo sguardo sereno e anzi vagamente accigliato di Allegri dopo la vittoria, la serenità olimpica di Buffon nel dopopartita – tutto testimonia la maturazione di una mentalità vincente anche a livello europeo. Ora si tratta solo di colmare il vuoto fra mentalità vincente e vittorie concrete. Semplice, no?

Adriano Scianca

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 + 4 =