quagliarella baselliTorino, 23 set – 3-1-0=10. Non è una formula matematica astrusa e ai limiti della logica, ma il cammino del Torino in queste prime quattro giornate di campionato. Tre vittorie, un pareggio contro l’Hellas e zero sconfitte. Quello che stasera, al Bentegodi di Verona affronterà il Chievo di Maran a quota sette punti, è un Toro da corsa, un Toro come non se ne vedevano da decadi.

Secondo in classifica, era dall’annata 1993-94 che non partiva così bene, alla quinta in quella stagione si scontrò con il Parma di Asprilla che liquido i granata con una tripletta. L’Inter capolista è a due passi, mentre sono sei quelli di vantaggio sui cugini bianconeri.

I segreti della corrida ai piedi delle Alpi sono, essenzialmente due, Urbano Cairo alla presidenza e Giampiero Ventura al timone. Cairo, al decimo anno da presidente, è passato attraverso tutti i mari, dalla burrasca, retrocessione nel 2009, fino a perdere la rotta, tre anni di fila nel purgatorio della B, per ritrovarla, qualificazione in Europa League e ottavi di finale centrati la scorsa annata. In panchina il marinaio genovese Ventura, in sella dal 2011, ha capito, fin da subito, di avere a che fare con un’attrice da troppo tempo lontana dai palcoscenici che merita. Ferita e senza identità viene presa per mano dall’ex, tra le tante, Lecce e Sampdoria, che l’accompagna la dove l’aveva portata Mondonico, non tanto distante, dalle reti di Graziani&Pulici. Ad un passo dalle stelle.

Senza gli infortunati Maksimovic, Avelar e Farnerud il Toro punta forte sul suo ariete Fabio Quagliarella – Gianluca Petrachi, d.s. granata, ha invocato la convocazione in nazionale per lui – già a quota quattro reti, mentre in mediana sta sbaragliando la concorrenza Daniele Baselli, a segno nelle prime tre giornate di campionato, con in aggiunta il Bruno Peres visto domenica contro i blucerchiati, dopo le prime gare di assestamento, ai livelli della segnatura contro la Juventus, lo scorso dicembre, dopo una corsa a perdifiato per 78 metri in 12 secondi.

A questi si aggiungono Belotti, ZappacostaAcquah, Obi, Avelar e Ichazo tutti i volti nuovi dei granata, per una spesa complessiva di 26 milioni di euro nell’ultima sessione di mercato, a cui va aggiunto l’acquisto di Baselli e il riscatto della metà di Benassi. Questi nomi proiettano l’undici di Torino tra le squadre futuribili del massimo campionato -l’unico over 25 è Avelar – con la testa al futuro, ma anche ad un presente luminoso che può far rima con Europa.

Lorenzo Cafarchio

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − 9 =