ducati dovi barcellonaBarcellona, 11 giu – Dopo la stupenda performance del Mugello, è di nuovo rosso Ducati sul gradino più alto del podio del gran premio di Catalogna sul circuito del Montmelò.

Le frecce di Borgo Panigale partono decise, con un redivivo Jorge Lorenzo che sceglie doppia gomma dura per tentare subito l’affondo. E gli riesce: poche curve e il maiorchino è già davanti a tutti. Si rivelerà un fuoco di paglia, l’usura del pneumatico aiuta sul lungo ma sul breve e nei continui cambi di direzione la mescola hard rischia di rovinarsi anzitempo. Sono allora le Honda a recuperare, infilando una coppia Pedrosa-Marquez che sembra destinata a giocarsi la volata finale.

Il duo dell’eterna promessa e del campione del mondo in carica non hanno però fatto i conti con Andrea Dovizioso, in sella all’altra Ducati, che non soffre quanto il compagno di squadra ma si accoda alla testa della corsa, mettendosi nel mezzo dei due padroni di casa. L’occasione fa il pilota ladro, quando dopo una lunga fase di studio il motore desmo riesce ad avere lo spunto necessario in fondo al rettilineo per conquistare la prima posizione, che manterrà fino alla fine staccando di netto Marquez, che nel frattempo ha superato uno sfinito Pedrosa.

Giornata da dimenticare per le Yamaha, già dalle prove alle prese con problemi di settaggio e aderenza. Solo decimo il leader del mondiale Vinales, ottavo Rossi. Se gli spagnoli pensavano di poter far saltare il banco, complice la veneranda età del Dottore di Tavullia, l’Italia suona la carica e Dovizioso con la sua Ducati ora è a soli 7 punti dal giovane Maverick.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here