Roma, 24 mar – G7, Nato ed Ue a Bruxelles. E si parla di possibili nuove sanzioni per la Russia, come riportato da Tgcom24.

G7, Nato, Consiglio Ue: il mix rafforzato contro Mosca

Prima la rinunione del G7, poi la Nato e il Consiglio Ue. Fino a venerdì i temi caldi saranno ovviamente quelli rivolti alla Russia. Come già abbiamo anticipato nella giornata di ieri, la Nato da par suo è pronta a dispiegare quattro gruppi tattici aggiuntivi in altri Paesi (Slovacchia, Romania, Bulgaria e Ungheria), mentre il Consiglio dell’Ue si concentrerà sui sostegni umanitari. Della guerra si parlerà anche alla riunione dei cosiddetti “sette grandi”. Confermata la presenza del presidente americano Joe Biden, volato quest’oggi a Bruxelles.
Molto importante la riunione del Consiglio europeo, che recepirà e si allaccerà agli altri due vertici presieduti dal leader della Casa Bianca. Ovviamente, sarà presente il presidente del Consiglio Mario Draghi.

Biden annuncia nuove sanzioni?

Il presidente statunitense sarebbe pronto ad annunciare nuove sanzioni. Almeno ciò è quanto anticipato dal capo della sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan. Biden vorrebbe “nuove sanzioni su figure politiche, oligarchi ed entità russe”. Atti che dovrebbero includere anche misure contro oltre 300 membri della Duma, ovvero la Camera bassa del Parlamento russo. L’obiettivo pare essere ormai chiarissimo: aumentare ogni settimana il rischio di un golpe contro Putin.

Per quanto riguarda gli aiuti umanitari in discussione al Consiglio Ue, si penserà di aumentare il sostegno a Kiev, come scritto dal presidente Charles Michel, che ha rilanciato le accuse contro Mosca: “”Con il progredire della guerra la Russia attacca sempre più la popolazione civile e prende di mira ospedali, scuole e rifugi. Questi crimini di guerra devono cessare immediatamente. I responsabili e i loro complici saranno tenuti a rispondere in base al diritto internazionale”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta