Roma, 18 dic – Open è online, il giornale di Enrico Mentana (che lo possiede al 99% ma lo fa dirigere ai suoi bracci destri) pensato per i giovani.
Nell’editoriale di presentazione si legge che “il giornale è aperto a tutti”. Ed è in questo che risiede la sua pericolosità. Infatti, è pura espressione di ideologia globalista, nocivo soprattutto per le giovani coscienze. I lettori a cui si riferisce infatti si ritroveranno davanti notizie filtrate da un taglio pro-immigrazione no-border no-sovranismo più che evidente. Ma non finisce qua.

Infatti, se si va sull’home page – al netto del lugubre sfondo nero e dell’impaginazione un po’ scomoda – si scopre immediatamente qual è l’operazione di Mentana. L’obiettivo è sì far parlare i giovani ai giovani di cose per giovani. Ma dando grande rilievo a ideologie ben precise, dettate dal pensiero unico dominante.

Se andiamo a vedere i pezzi di oggi – tolti quelli ovviamente contro il governo Lega-M5S e quelli che coprono le notizie del giorno – notiamo in primissimo piano (il terzo in ordine di visualizzazione al momento in cui vi scriviamo) un articolo intitolato: “Generazione gender fluid: l’identità (sessuale) è mia“.
Un’inchiesta a tre firme che nel sommario recita: “Le storie e le emozioni dei giovani italiani che non si identificano nei generi maschile e femminile”.
Poco più giù, un altro articolo dello stesso tenore – sempre a firma del trittico di cui sopra: “Gender fluid, Marcello: ‘I vestiti sono solo pezzi di tessuto’“.

Che meraviglia, ci voleva proprio un nuovo giornale online che parlasse ai giovani dei temi che più gli stanno a cuore, come l’ideologia gender (altro che teoria).
Grazie, Mentana, per aver dato vita a un progetto teso a spazzar via quel poco di buon senso rimasto nei nostri ragazzi.

I “gender fluid” che magari stamattina si sono svegliati maschietti saranno concordi con quelli che stamane si sentono femminucce che Open sarà il loro giornale di riferimento.
E questo, caro Mentana, da oggi lo sappiamo anche noi.

Adolfo Spezzaferro

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. Un articolo così triste e vuoto non poteva che uscire da una fanghiglia informatica che è il vostro giornaletto ricicla fake-news per neofascisti.
    Dio abbia pietà di voi e della vostra indecente insensibilitò

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here