Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 5 giu – Prima è stato circondato da un gruppo di manifestanti anti-Trump che gli hanno urlato in faccia “fascist scum!” (feccia fascista), poi si è beccato un milkshake (detto anche frappè) sulla fronte. A subire l’aggressione è stato un sostenitore di Trump, ritrovatosi in mezzo ad una delle manifestazioni di protesta organizzate a Londra contro la visita del presidente Usa. Come si vede nel video pubblicato dalla pagina “Leave.eu”, dopo il lancio del milkshake l’uomo ha provato a reagire e ne è nata una breve colluttazione.

Protesta del milkshake, la trovata dell’estrema sinistra

Quella del milkshake è una recente “forma di protesta”, che l’estrema sinistra sta mettendo in atto nel Regno Unito. Prima di questo anonimo sostenitore di Trump a finire sotto i colpi dei lanciatori di frappè sono stati Tommy Robinson, leader dell’English Defense League, e Nigel Farage.

A colpire il leader del partito pro Brexit era stato un attivista di sinistra di Newcastle il 21 maggio scorso, che in piena campagna elettorale aveva pensato bene di esprimere il proprio dissenso nei confronti dell’uscita del Regno Unito dalla Ue colpendo Farage con un frullato al gusto banana e caramello. 

Davide Romano

4 Commenti

  1. la versione riveduta e politicamente corretta dell’olio di ricino dei moderni squadristi del fascismo antifascista

Commenta