Sidney, 29 gen – Un delusione amorosa finita in modo drammatico. Era stata rifiutata dall’ennesima ragazza incontrato sull’app di appuntamenti online Tinder. Così Evie Amati, 26enne transgender di Sidney, Australia, in un raptus di follia omicida nel gennaio del 2017 era entrata in un distributore di benzina e aveva aggredito due persone a colpi d’ascia, non prima di avere scritto su Facebook a colei che l’aveva rifiutata “Mi hai fatto soffrire, un giorno ammazzerò delle persone e sarà solo colpa tua”. Qualche giorno fa, la sentenza del tribunale: nove anni di reclusione “perché l’imputata non mostrava alcun rimorso”. Ulteriore aggravante, al momento dell’aggressione la trans si trovava sotto l’effetto di Mdma, vodka, cannabis, antidepressivi, e terapia ormonale sostituitiva. Ecco il video che l’ha inchiodata:

https://www.youtube.com/watch?v=nVtPT141tVQ

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta