Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 gen – Ormai è chiaro, la campagna elettorale sarà all’insegna delle violenze antifasciste. L’ultima delle serie ha investito un gazebo di Fratelli d’Italia, in piazza Argentina, a Milano. Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capogruppo di Fdi in Regione Lombardia, racconta: “Questo pomeriggio, per la seconda volta in poche settimane, è avvenuta un’aggressione violenta al gazebo elettorale di Fratelli d’Italia e mio personale in piazza Argentina adiacente a corso Buenos Aires, a Milano. Un’aggressione che ha portato al ferimento di due persone. Da una macchina recante la targa di Varese, di cui abbiamo recuperato il numero, sono scese due donne e un uomo, che a un certo punto hanno cominciato a prendere a pugni uno dei nostri militanti che distribuiva materiale elettorale. Fortunatamente, vista la scena, si è fermato un ragazzo che è venuto in soccorso dell’aggredito, rimediando pure lui dei pugni”.
Una delle ragazze del gruppetto antifascista, invece, come documentato dall’eurodeputato Carlo Fidanza, si è abbassata i pantaloni davanti al banchetto e ha mostrato a tutti il dito medio, urinando sul materiale del partito di Giorgia Meloni. I tre, poi, si sarebbero allontanati prima dell’arrivo della polizia, che ora indaga. Nonostante qualche lieve ferita, i due uomini aggrediti sono stati medicati sul posto da un’ambulanza e non hanno avuto bisogno del trasporto in ospedale. Chissà se il ministro Minniti, che pure si è affrettato a correre in sostegno delle vittime di falsi attacchi “violenti” (?), come la manifestazione di Forza Nuova sotto la redazione di Repubblica, riscontrerà anche in questi episodi ricorrenti (nei giorni scorsi diversi, legittimi banchetti di CasaPound sono stati contestati dai centri sociali) un fenomeno preoccupante per la democrazia.
Alberto Palladino





La tua mail per essere sempre aggiornato

10 Commenti

  1. sto valutando se mi fa più tristezza la pisciona oppure quella rossovestita (imperdibile,una specie di Gabibbo umano) che canta assieme ad altre sue colleghe disadattate “bella ciao” davanti ad un gazebo di Casapound a Cascina in un ormai celebre video.

  2. Ragazzi, di cosa vi stupite? Questi sono i risultati di decenni di propaganda e dittatura culturale e mediatica del comunismo in questo Paese, ma io non ce l’ho con queste bestie ce l’ho con tutti quelli che gli stanno vicino e non gli sputano in faccia..italiani di merda senza palle che si fanno sottomettere da una minoranza di pelandroni, delinquenti e drogati comunistoidi.

  3. Questi infami la faranno franca come al solito……..il piddino minnito(boldrina con la a,minnito con la o) e la magistratura rossa li lasceranno liberi e uguali a prima,ovvero pidocchiosi ermafroditi sinistri,vigliacchi e luridi……..una domandina però….esiste un servizio d’ordine a questi punti informativi……e le forze dell’ordine, tanto solerti nel proteggere la redazione di quei razzisti antiitaliani di repubblica, dove erano ubicate……ora attendo sdegnate reazioni di sky tg e compagnucci vari,ma saranno sicuramente troppo impegnati a difendere immigrati africani,islamici e rom,o zingari se preferite…….noi italiani ormai non contiamo un cazzo……vergogna.

  4. mi sa che non ci saranno i titoloni di Repubblica né le reazioni indignate delle istituzioni “democratiche”…

Commenta