Milano, 24 gen – Dieci euro a notte per dormire alla buona e meglio. No, non stiamo parlando di un ostello o di un Bed and Breakfast di periferia per studenti, ma dell’Aeroporto di Linate. E il tariffario viene imposto da una gruppo di rom che spadroneggiano negli spazi antistanti ai check-in come fossero i concierge di un albergo, con tanto di agendina su cui annotare i nomi e il numero di notti. Organizzazione svizzera, non c’è che dire.

L’inviato di Striscia la notizia si è recato sul posto con due complici che, fingendosi dei senzatetto in cerca di una sistemazione, hanno ripreso “la trattativa” con una telecamera nascosta. I rom decidono tutto: dove bisogna sistemarsi, come bisogna sistemarsi e, soprattutto, chiedono il pagamento immediato con un tono notevolmente impositorio. Però nel prezzo è inclusa una coperta. “Alle sei del mattino ti svegli e vai via”, decidono pure quanto devi dormire.

Quando il giornalista prova a intervistare i gli “esattori” con tanto di telecamera ovviamente partono gli insulti e la fuga. Ma l’inviato è tenace e riesce a strappare qualche parola alla rom che fa parte del “team” di estorsori. E non sono propriamente parole gentili. Ovviamente avviene tutto senza l’intervento di una guardia giurata o di un’agente di polizia. L’unico che interviene è un dipendente dell’aeroporto che intima all’inviato di non riprendere e di andarsene, a lui, non alla rom. Ma si sa, gli aeroporti sono zone franche…non siamo mica in Italia…

Aurelio Pagani

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. com’era…

    “tuti piange bambini scapati da la gueera”

    in realtà lo scandalo non è rappresentato dal rum rom (o come diavolo si chiama) che ha tutto il diritto di “vivere” come meglio crede e come sempre ha fatto del resto,ma da quei geni della politica che hanno pensato “ahhhh europa ahhhh” scardinando le fondamente stesse alla base della Civiltà: quei CONFINI che nella leggenda della fondazione di Roma non erano solo SACRI ma avevano comportato la morte a chi per primo aveva voluto superarli con gesto di sfida.

    se non altro non hanno detto:

    “spaco botilia amazo familia”…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here