Bologna, 26 apr – Un richiedente asilo libico di 26 anni ha stuprato e minacciato di morte due ragazze in un capannone abbandonato a Bologna. Violenze perpetrate il 15 e il 20 aprile in via Zanardi, con i carabinieri della Stazione Bertalia che hanno scovato l’immigrato ieri mattina in un altro capannone. L’uomo, incensurato, senza fissa dimora e titolare di protezione internazionale, è stato arrestato ed è adesso accusato di violenza sessuale multipla.

Le violenze

La prima vittima è stata una studentessa bolognese di 23 anni, che probabilmente si era vista con il 26enne libico per acquistare droga. Portata nell’edificio abbandonato, è stata aggredita dall’immigrato che l’ha afferrata per il collo e ha iniziato a palpeggiarla. La ragazza è riuscita a fuggire e a dare l’allarme da un vicino ristorante della zona.

La seconda vittima del richiedente asilo è stata una donna marocchina di 33 anni. Vicenda analoga, l’uomo l’ha invitata a recarsi nel capannone con un tranello ma purtroppo in questo caso è riuscito nell’intento criminale di stuprarla e minacciarla di morte. Il libico ha inoltre rubato la borsetta della donna, contenente un cellulare e un centinaio di euro. La vittima, fingendo un malumore, è poi scappata e ha fermato una macchina per strada dando l’allarme. Il conducente dell’auto a quel punto ha immediatamente chiamato i carabinieri per denunciare il fatto. La 33enne nordafricana è stata portata in ospedale, riportando 20 giorni di prognosi.

I carabinieri, grazie alle testimonianze delle vittime e alla conseguenti indagini svolte, sono riusciti a trovare l’immigrato all’interno di un capannone in via Agucchi. Il pm Nicola Scalabrini sta inoltre eseguendo ulteriori accertamenti per capire se l’identità dichiarata dall’uomo sia autentica.

Alessandro Della Guglia

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Bologna é ormai una città allo sbando più completo: incuria, sporcizia, babygang, immigrati al di fuori di ogni controllo, “studenti” tossicodipendenti, malavita da centri “sociali”, degrado generalizzato…
    Questo é il prezzo da pagare per aver consentito alla sinistra di amministrare la città con criteri autocratici e clientelari per oltre settant’anni.

  2. Sarò cattivo, ma lo dico. La studentessa è di sinistra? Magari pro-immigrati? Perché in tal caso un cazz… suoi ci sta proprio bene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here