Bologna, 12 mar – In un locale della città felsinea alcuni quindicenni hanno festeggiato il proprio genetliaco con delle torte di compleanno a tema nazista. Su una di queste ci sarebbe stato raffigurato Hitler al telefono, con la frase: “Pronto cara? Accendi il forno che sto arrivando a casa”, su un’altra, invece, si legge: “Evvai… che oggi sarà una serata… a tutto gas!”. La notizia è riportata dal Corriere di Bologna: in tre, tra gli invitati, si sarebbero rifiutati di mangiare i dessert “amari”. Sempre secondo quanto riporta il quotidiano, l’avvenimento è stato riferito da uno dei ragazzi invitati alla festa ai propri genitori. Da qui, le immagini sono circolate su internet: una docente della Sapienza, la professoressa Vanessa Roghi, ha ripreso l’accaduto in un sup articolo per la rivista “Ricerca” edita dalla Loescher, senza menzionare il luogo.

L’articolo per Ricerca

“Oggi – commenta la professoressa Roghi nell’articolo – sono i quindicenni a festeggiare con la torta di Hitler, e io l’ho saputo a cena perché la mamma del ragazzino basito era con me e un po’ in difficoltà, persino con noi, e si chiedeva: che fare? Perché è chiaro che additare genitori, bambino, ristorante alla pubblica gogna non aiuta. Io ho buttato la cosa su Facebook, senza dire né dove né chi, e le reazioni sono state le più disparate, soprattutto preoccupate, e invocano l’intervento delle famiglie, della scuola, delle forze dell’ordine. Soltanto una professoressa, che insegna alle medie, ha sollevato il problema di cosa ne pensano i ragazzi stessi che hanno avuto parte, come attori o come semplici comparse, in questa storia”.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Pericolosissimi eversori! Fossero stati ragazzi normali avrebbero festeggiato drogandosi e violentando qualche coetanea in un centro “sociale”!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here