Roma, 19 mar – “Se fascista vuol dire lottare per il popolo, io sono fascista!”: mancano pochi giorni alle elezioni regionali in Basilicata, e le parole pronunciate da una candidata della Lega durante un comizio a Melfi (Potenza) diventano un caso. Al centro della bufera Gerarda Russo, che sostiene di avere semplicemente replicato a una provocazione con un’altra provocazione: nel video che riportiamo si possono udire distintamente i contestatori che dal fondo della piazza gridano: “Fascisti, fascisti”.

Il candidato di Basilicata Possibile, Valerio Tramutoli, non ha perso tempo e ha subito annunciato che presenterà un esposto per apologia del fascismo.

Condanna anche da parte del sindaco di Melfi, Livio Valvano: “Nel comizio della Lega a Melfi, la candidata locale di Matteo Salvini dichiara con incredibile spudoratezza di essere fascista. Cosa farà adesso il ministro dell’Interno, un altro selfie?”. Forse, quello che ha infastidito maggiormente i due alfieri dell’antifascismo potentino, è stata la reazione del pubblico del comizio: pochissimi fischi e tanti, tanti, tanti applausi. Dura da digerire.

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Detto tra noi,capisco che in campagna elettorale vale tutto,insulti e colpi bassi compresi,ma questo volere denunciare fascisti e fascismo,è diventata una barzelletta idiota e ignorante,tipica di chi ha molta segatura in testa.Il troppo stroppia e gli si rivolterà contro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here