melegatti-593x443Roma, 20 nov – Questa mattina sul profilo twitter della Melegatti, nota società dolciaria italiana, è apparsa una foto che ha fatto discutere. Più che la foto in realtà è la frase: “Ama il prossimo tuo come te stesso…basta che sia figo e dell’altro sesso” che ha scandalizzato gli alfieri del politically correct.

“Lo spot non è inclusivo” e giù critiche, #Melegatti che finisce in cima alle tendenze nei social per gli insulti ricevuti dagli utenti e retromarcia della società: sembra di vedere quanto già successe con il caso Barilla, anche se in questo caso la Melegatti accolla la responsabilità a una società esterna che gestisce la comunicazione sui social, ribadendo che Melegatti da “121 anni è per tutti” e precisando che la suddetta  società è stata sollevata dall’incarico.

Questo il testo del tweet di scuse: “Con riferimento al post di questa mattina, Melegatti S.p.A. chiarisce che la gestione della comunicazione sui social è affidata ad un‘agenzia esterna che ha pubblicato senza autorizzazione da parte dell’Azienda. Melegatti S.p.A. si dissocia dall’operato di tale agenzia che ovviamente è stata sollevata dall’incarico e si scusa bukformalmente con chiunque si sia sentito offeso dal contenuto. Da 121 anni Melegatti è per tutti“.

Insomma sembrano lontani gli anni ’90 quando si potevano vedere pubblicità come quella della Zappalà e nei film si poteva dire frocio senza passare per un pericoloso omofobo nemico della civiltà.

Rolando Mancini

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here