Firenze, 15 feb – Giallo di piume, rosso nell’animo. Lo hanno ritrovato mentre fischiettava il motivetto di Bandiera Rossa, ma non era un anziano tesserato di Potere al Popolo: si trattava invece di Cipo, il pappagallino “partigiano” fuggito dalla casa di Michela Rizzuti, a Firenze. Subito la sua proprietaria aveva postato su Facebook una richiesta di aiuto e aveva diffuso, per le strade fiorentine, cartelli in cui descriveva il pappagallino. E’ “un calopsite con testa e coda gialli, il petto grigio e bianco e le guance arancioni. E’ spaventato ma socievole: fischia Bandiera rossa e Ammazza la vecchia“. L’appello proseguiva invitando chiunque lo vedesse a fischiettare, per richiamarlo e attirare la sua attenzione.

Grazie all’incessante fischiettare il volatile dell’Anpi è stato individuato da una signora, sull’albero davanti a casa sua. Ora il pappagallino è in salvo, tornato a casa dalla sua padrona, dove continua a fischiettare “Bandiera Rossa”, “Ammazza la vecchia” e “Avanti oh popolo”.

“Ho provato a insegnargli qualche altro motivo – dice Michela Rizzuti a La Nazione – occorre molta pazienza e precisione con le note. Ci provo, mi segue un po’ e poi torna su ‘Bandiera rossa’”. Il compagno pappagallino ha una fede politica incrollabile. E meno male che si trattava di un uccellino comunista: se avesse fischiettato “Faccetta nera”, ci possiamo scommettere, arrivava Berizzi a farci sopra un’inchiesta. 

Cristina Gauri

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here