Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 apr – Consueta conferenza stampa della Protezione Civile sul coronavirus. Le persone malate in Italia sono 80.572, con un incremento rispetto alla giornata di ieri di 2.937. Ieri l’aumento era stato di 2.107. Il numero totale dei contagiati, compresi dunque vittime e guariti, è di 110.574. La Protezione Civile ha inoltre reso noto che sono 16.847 i guariti in Italia dopo essere stati contagiati dal coronavirus: 1.118 in più rispetto a ieri. L’aumento dei guariti di ieri era stato di 1.109. Drammatico purtroppo il dato relativo ai decessi: sono 13.155, con un aumento rispetto a ieri di 727.  Ieri l’aumento era stato di 837. Per quanto riguarda i malati, sono 4.035 i ricoverati in terapia intensiva, 12 in più rispetto alla giornata di ieri. Degli 80.572 malati complessivi, sono 28.403 quelli ricoverati con sintomi e 48.134 quelli in isolamento domiciliare.

Errori nella distribuzione delle mascherine

Le mascherine ai medici di base sono state distribuite per un errore logistico: erano state donate all’Italia dalla Cina, il carico era destinato alla collettività. Rimedieremo prontamente a rifornire i medici di base assieme al commissario Arcuri con le mascherine Ffp2″, ha poi dichiarato il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, riguardo al caso clamoroso delle 600mila mascherine non per uso sanitario fatte arrivare agli Ordini provinciali dei medici.

In un’intervista al Corriere della Sera, Borrelli ha specificato che “la situazione nei territori del nord resta la più drammatica, ma il sud è ancora a rischio, e nessuno può e deve pensare di poter abbassare la guardia”.

Sospesi allenamenti dei professionisti

Nella bozza del nuovo decreto, che potrebbe ancora essere modificato, vengono “sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”. Oltre alle “sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non, all’interno degli impianti sportivi di ogni tipo”.

Meno positivi in Lombardia

L’assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha diffuso i nuovi dati relativi alla Lombardia nella consueta diretta Facebook: “I decessi nelle ultime 24 ore sono 394, che portano il totale a 7.593. Ci sono 1.565 positivi più di ieri, quando erano stati 1.047 e il totale sale a 44.773”. Un aumento del numero dei positivi dovuto però ai “7.392 tamponi in più di ieri”, dunque “sostanzialmente ci sono meno positivi”, ha detto Gallera. “E c’è una riduzione dei ricoverati: il numero delle persone che entrano è più basso di quelli che escono dall’ospedale. Di poco, ma è comunque un dato positivo”, ha precisato l’assessore lombardo.

“Anche oggi la situazione è positiva in relazione ai dati, sarebbe folle vanificare tutto, capiamo che rimanere a casa soprattutto per chi ha bimbi piccoli è faticoso perché bisogna inventarsi ogni minuto qualcosa ma stare chiusi in casa ci ha portato a dire che forse c’è una luce in fondo a quel tunnel che da flebile sta diventando più determinata”, ha poi affermato Gallera.

Alessandro Della Guglia

6 Commenti

  1. D’ accordo che a caval donato non si guarda in bocca, ma qui si ha quasi l’ impressione che si assumono anche delle colpe che non gli spettano… (salvo mancato controllo operativo!). Circa certi doni ambigui se non peggio, poi, non bisogna essere degli allocchi e ricordare che anche prima del Covid 19 molti orientali avevano la vistosa e sottovalutata (da noi), abitudine a farsi vedere a spasso con le mascherine, vero prodromo ad usi e consuetudini utili a fatturare…

Commenta