Trento, 13 giu – La polizia di Trento ha sgominato una rete criminale che gestiva un fruttuoso commercio di droga. A finire in arresto sono 13 centrafricani richiedenti asilo e un italiano tossicodipendente. L’operazione ha fatto dunque luce su un vasto traffico di stupefacenti che coinvolgeva le città di Trento, Verona, Vicenza e Ferrara. Nell’ambito dell’operazione ribattezzata “Bombizona”, già nei giorni scorsi un primo blitz aveva portato al fermo di altri 16 nigeriani e all’esecuzione di diverse perquisizioni e divieti di dimora nelle province di Trento, Verona e Ferrara.

L’organizzazione criminale era dunque gestita da individui giunti in Italia presentandosi come richiedenti asilo. L’organizzazione aveva preso il controllo dello spaccio di droga nelle zone più importanti di Trento. A svolgere il ruolo di pusher vi erano diversi tossicodipendenti, i quali, sfruttando le loro conoscenze, riuscivano a smerciare gli stupefacenti in luoghi solitamente non pattugliati dalle forze dell’ordine. Tra i clienti vi erano italiani tossicodipendenti e donne incinte con al seguito i propri figli.

Nel corso del blitz gli agenti hanno sequestrato circa sette chili di marijuana, 600 grammi di eroina, circa un litro di metadone e diverse decine di grammi tra cocaina e hashish. Senza contare il quantitativo in denaro, che ammontava a diverse migliaia di euro. Le forze dell’ordine, comunque, non hanno avuto da fare solo a Trento. Anche a L’Aquila, Avezzano, Sulmona, Roma e Firenze, la polizia ha eseguito nove misure cautelari e 24 perquisizioni. Obiettivo della retata erano immigrati provenienti da Gambia, Ghana, Nigeria, Costa d’Avorio, Niger e Mali. Anche questi sono tutti richiedenti asilo. Attualmente sono indagati per i reati di rapina, violenza sessuale, droga e ricettazione.

Vittoria Fiore

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Veramente???……..ma non erano le risorse piddine boldriniane e negroidi che ci dovevano assicurare un radioso futuro???………fecciaglia bastarda africana e delinquenza indegna di un paese civile……..Vergogna sinistra e tipicamente comunista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here