Milano, 22 nov – Sono 97 le espulsioni rese effettiva dall’inizio dell’anno a oggi. Tutte relative a soggetti legati al jihadismo e all’estremismo religioso. 229 quelle eseguite dal 1 gennaio 2015. Il primato spetta alla Lombardia, dove vivevano un quarto degli espulsi, e in particolare a Milano, dove in meno di tre anni sono stati rimandati a casa 22 soggetti ritenuti a rischio di radicalizzazione.

L’ultimo caso è avvenuto ieri mattina, quando a essere rimandato a casa con un volo di sola andata a Malpensa a Casablanca, è stato un marocchino di 37 anni. Il motivo? Voleva accoltellare i passanti. A rendere nota l’espulsione è stato il Viminale, che ha emesso il provvedimento firmato dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, dopo che il 37 enne nordafricano è stato più volte segnalato e interessato da un’attentata indagine investigativa durata mesi e condotta dal Servizio per il Contrasto dell’Estremismo e del Terrorismo Esterno della Direzione Centrale di Polizia di Prevenzione e dalla DIGOS di Milano.

Sui social network pare che il nordafricano postasse contenuti legati alla propaganda jihadista e scriveva di volersi unire ai combattenti dell’Isis in Medio Oriente. In caso non fosse riuscito a fare il jihadista in Siria o zone limitrofe, si sarebbe accontentato di accoltellare passanti a caso, dato che non gli avevano rinnovato il permesso di soggiorno.

“Se Dio vuole questa sarà la vostra bara” è quanto c’era scritto su un cartoncino, insieme al disegno di una bara e ai nomi di molti Paesi occidentali, rinvenuto nell’abitazione del marocchino durante la perquisizione che ha portato all’emissione del decreto di espulsione.

Anna Pedri

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Per un espulso con a corollario la fanfara delle truppe cammellate della, ehm, Stampa nostrana, direi che qualche centinaio di galantuomini magrebini sono entrati clandestinamente in Italia. Siamo governati, da, a modo loro, dei geni assoluti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here