Roma, 4 apr – Virginia Raggi si butta a capofitto nella querelle mediatica scatenata dagli avvenimenti di Torre Maura e condivide il video che ha come protagonista il giovane abitante del quartiere in rivolta, Simone: ma le cose non vanno come lei spera.

La Raggi “riparta” da Simone

Sperando, probabilmente, di sfruttare la cosa macinando acqua di consensi ad mulino assai secco (dall’attacco agli alberi “fascisti” alle pecore tosaerba, le sue “trovate” di certo non fanno che aumentare il senso di insicurezza e di abbandono provato dai cittadini della Capitale) la “Sindaca” di Roma ha condiviso il video, opportunamente tagliato e montato, del dibattito tra Simone, il ragazzo di quindici anni intervenuto al sit in dei residenti di Torre Maura contrari alla presenza delle famiglie rom nel proprio quartiere e il responsabile per il Lazio di CasaPound Italia, Mauro Antonini. Il video è condiviso dalla sua pagina Facebook accompagnato dalla frase: “Ecco i veri cittadini di TorreMaura. Grazie Simone. I giovani sono il nostro futuro. A Roma non c’è spazio per gli estremismi di Casapound e Forza Nuova”. Insomma, per il “nostro” Sindaco, tutti gli altri individui in strada non sono degni di essere chiamati cittadini, in quanto contestatori. Viene da chiedersi, comunque, come mai la sua presenza non sia stata registrata, in nessun video, sul luogo degli avvenimenti.

I commenti negativi dei cittadini romani

Non c’è, tuttavia, la pioggia di commenti positivi che il primo cittadino pentastellato si aspettava, anzi. “Chiedete ai cittadini di Pomezia, Torvaianica, Ardea ecc che cosa ne pensano del campo che hanno li, compresi tutti gli automobilisti presi a sassate dai rom sulla Pontina e tutti i derubati del distributore vicino al campo” scrive un utente “Tutti fratelli …ma a casa mia non ce li voglio” è un po’ il pensiero di tutti”. Un altro cittadino romano, invece, commenta: “Caro sindaco li faccia accampare tutti in Campidoglio così la mattina vi prendete il caffè insieme e parlate su quanto sono cattivoni quelli di CasaPound” e aggiunge: “Sono stata una sciocca a votarla, ma io non faccio mai lo stesso errore due volte”.

Quando il cittadino protesta diviene “estremista”

Quindi, Virginia Raggi dopo essersi gettata a capofitto nella polemica cercando di ridurre le legittime proteste degli abitanti di Torre Maura a strumentalizzazione politica di pericolosi estremisti come gli esponenti di CasaPound, si accoda anche lei a chi vede nel “povero” Simone il prossimo fantoccio da sfruttare per i propri biechi interessi di consenso, come chi arriva, addirittura, a sostenere che uno dei presenti alla discussione con il quindicenne gli avrebbe “messo le mani addosso”: è visibilissimo nel video integrale – non quello smontato e rimontato ad hoc neanche fossimo su un set di Spielberg – come la discussione sia stata pacifica, misurata e il ragazzo e le sue istanze siano state accolte in un clima che, manco a dirlo, è lontanissimo anni luce da quello dell’aula del Campidoglio.

Ancora una volta, insomma, i cittadini romani insegnano alla Raggi cosa significhi essere civili: senza dubbio riusciranno a ricordarle il vero significato della parola “popolare” anche sabato, alla manifestazione indetta dai residenti assieme a CasaPound.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

10 Commenti

  1. Il saluto romano a torre mura e affermare di essere fascista non è così sconvolgente da solo fastidio hai politicamente corretti. E come nelle manifestazioni degli anni 70 della estrema sinistra, si sentiva: rosse, rosse brigate rosse ed anche allora era sconvolgente e dava fastidio hai politicamente corretti.
    Oggi i temi sono cambiati le genti si sono stancate di stare con le sinistre. Vanno a destra

  2. Sembra proprio che i paladini della “nuova” sinistra (che poi è la versione 2.0 di quella vecchia, ugualmente becera, superba e antinazionale) siano bambocci invertebrati dall’aria antipatica. Prima Greta-la-Bambola-Assassina; adesso SuperpippA, il moccioso arrogante… Su tutto, un “sindaco” come la Raggi, che ha fatto più danni a Roma dei Lanzichenecchi di Carlo V.
    Ma, come recitava una vecchia canzone, “la rivoluzione è come il vento”… e pare di sentire ogni giorno di più una brezza sottile levarsi.

  3. ” le mani addosso ” …..ci vorrebbero a lei e a quei buffoni dei 5s che gli stanno attorno…gli zingari hanno una “cultura”.fatta di furti, non per nulla in Romania li tenevano in campi con filo spinato e fatti uscire per pulire le strade..

  4. Ignobile, inadeguata, indegna………..protegge la fecciaglia comunista ed aiuta rom e negroidi………come riferimento colturale una zecca asociale ignorante……….da vomito. Nel frattempo gli italiano affogano e soccombono…………nella latrina comunistoide ovviamente.

  5. La gente se desta a smesso di seguire la sinistra sociale con tutte le sue utopie da buonisti ed il pensiero politicamente corretto ora segue la desta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here