Terni, 8 feb – Il tricolore che fiero, solenne, illumina le mura. Una delle migliori risposte alla vile e squallida trafila revisionista e negazionista promossa dall’Anpi. Succede ad Amelia, comune umbro che questa sera, in concomitanza con la proiezione in prima serata su Rai 3 del film Red Land-Rosso Istria, farà rivivere la bandiera italiana per onorare le vittime delle foibe. Non c’è bisogno di gridare, imbrattare muri o perpetrare atti intimidatori: quando si è nel giusto, quando la verità storica sovrasta le interpretazioni strumentali, “tutto il resto è noia”. Sempre in data odierna, si terrà un convegno sulle foibe e sull’esodo giuliano-dalmata: nessuna censura, come doveroso che sia.

Un esempio che Rovigo e Parma, giusto per citarne due, dovrebbero emulare: prospettiva utopistica. Il convegno si terrà alle 17 presso il Teatro Sociale. Assieme al sindaco Pernazza, interverranno Toni Concina, esule della Dalmazia, il giornalista Marco Petrelli e il direttore generale dell’Università Popolare di Trieste, Fabrizio Somma. Moderatore d’eccezione, il consigliere di amministrazione Rai, Giampaolo Rossi. Amelia, piccola perla della provincia Ternana, diventa così un esempio di coraggiosa controtendenza e orgoglio nazionale.

Chiara Soldani

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. W la Patria,W CP,in alto i cuori dei patrioti ardimentosi………W il DUCE,W la Repubblica di Salò,W la Decima………magari qualche ignobile negazionista capisce cosa sia l’onore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here