L' ad di Ansaldo Nucleare Adinolfi
L’ ad di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi

Genova, 12 nov – Questa mattina il Gup di Genova ha riconosciuto l’aggravante di terrorismo per gli anarco-insurrezionalisti torinesi Cospito e Gai già condannati, con rito abbreviato, a dieci anni e otto mesi il primo e a nove anni e quattro mesi il secondo. Sono entrambi accusati d’aver ‘gambizzato’ il 7 maggio 2012 a Genova l’a.d. di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi.

Sposato, e con tre figli, Adinolfi si è laureato nel 1976 in Ingegneria nucleare al Politecnico di Milano è da subito ha iniziato la sua carriera in Ansaldo Nucleare -250 dipendenti- divenendone amministratore delegato nel 2007. A portare gli investigatori sulle tracce dei due anarchici numerose intercettazioni ricavate da una microspia piazzata nello studio di tatuaggi della moglie di Cospito, in cui si sentono chiaramente i due che parlano, prima e dopo, dell’attentato.

In una di queste Gai affermava: “Dovevamo mandare il messaggio da Milano!», la conversazione risale al 13 giugno scorso, quando ormai i tre temono di essere stati scoperti. “Come vengono, il pomeriggio non ci sto – dice Gai – pensa se trovavano quel pistolone! (la Tokarev usata nell’attentato, ndr)”. Gai aggiunge poi: «Io te lo dico: sì ho sparato ma non…». Queste intercettazioni hanno chiarito agli inquirenti la chiara intenzione dei due di fuggire all’estero.

Inoltre dalla rivendicazione si evince chiaramente che a mettere Adinolfi nel mirino degli anarchici sarebbe stato il suo impegno professionale nel settore nucleare italiano l’accusa infatti che gli atentatori avevano mosso era quella che l’a.d. di Ansaldo nucleare e Scajola erano ‘colpevoli’ di riportare il nucleare in Italia.

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteFilippine: più di 10 mila morti. Un disastro annunciato
Prossimo articoloImprese: rinascere “al tempo della crisi” attraverso la formazione
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here