Pistoia, 14 ott – Forse a qualche abitante di Vicofaro non è proprio andata giù l’idea del parroco ultrà dell’accoglienza Don Biancalani, che ha trasformato la chiesa e la parrocchia del quarteiere in un dormitorio per 250 immigrati, con tanto di materassi e bivacchi piazzati all’interno del luogo di culto. E così il prete più “accogliente” d’Italia si è ritrovato il sagrato della chiesa invaso da volantini pieni di insulti – scritti, ad onor del vero, con una grafia piuttosto stentata – e con l’insinuazione piuttosto maliziosa che vi siano interessi economici – ma non solo – riguardo l’attività di volontariato del prete: “Prete frocio razzista. Quanto ci guadagni? Vergognati”.

Don Biancalani non ha perso tempo e ha subito scritto un post di denuncia con la fotografia dei “volantini”, in cui si dice molto amareggiato “non tanto per questo gesto sicuramente frutto di una mente malata e perversa… ma dei pesantissimi silenzi che ci circondano: non una chiamata, non un messaggio … niente di niente a Pistoia”. Un gesto becero e condannabile, sia per i contenuti, sia per la vigliaccheria della forma anonima, non lo mettiamo in discussione. Ma forse il parroco di Vicofaro dovrebbe interrogarsi meglio sull’impatto di 250 immigrati sulla comunità pastorale e sulla vita di un piccolo quartiere. Non ha chiesto il parere di nessuno, Biancalani, quando ha deciso di trasformare la parrocchia in un campo profughi, e forse il suo gesto ha esasperato qualcuno. E non a caso, stavolta non ha incassato la solidarietà di nessuno. “Non ho paura della cattiveria dei malvagi, ma del silenzio degli onesti”, ha concluso così il parroco, assai deluso dal fatto che nessuna delle istituzioni abbia voluto farsi alfiere della sua causa.

Cristina Gauri

6 Commenti

  1. Pur non condividendo questa azione, ad ogni modo questo parroco non è sicuramente un’ ipocrita come il papa e tutti i signori vescovi, cardinali e monsignori che vivono in eleganti palazzi storici ed hanno tutte le comodità. Egli tenta di sistemare le cose con i mezzi che ha. Trovo vile insultarlo per questo.

  2. Il “SILENZIO degli ONESTI” dovrebbe essere un messaggio chiarissimo per questo PRETE deviato. Il messaggio dice, per chi non lo avesse ancora capito, che gli ONESTI non vedono nessuna CATTIVERIA e nessuna MALVAGITÀ in quei foglietti manoscritti. Vedono soltanto la protesta e la denuncia di cittadini esasperati da situazioni INAUDITE. Vedono soltanto che, come minimo, devono essere sottoposti a regime di COPRIFUOCO nella loro CITTÀ! In CASA LORO! E questo, SOLAMENTE, perché un PRETE così ha STABILITO! Augurati, o PRETE, (E non solo TU!!! n d.r ), che agli ONESTI non venga mai voglia di prendere la PAROLA in merito!

  3. ma và al diavolo,bianco l’ano…
    se ti prude tanto l’anima,vattene in africa a fare il missionario e INSEGNA A LORO,CHE DEVONO FARSI UN NODO AL PIFFERO…. e smettere una buona volta di figliare come conigli fino a dover scappare dal loro paese dopo aver esaurito ogni risorsa….
    e poi pretendere di venire qui a consumare le nostre.

    e ricordati che la tua chiesa non l’hai costruita tu e nemmeno di tasca tua:
    sono stati i fedeli italiani a cacciar fuori ogni lira,
    e spesso anche a costruirtela:
    e adesso si ritrovano a non poter nemmeno andare a far messa perchè tu nella tua arroganza pretendi di
    donarla a chi ti pare?
    ma come fai a non renderti conto di quanto PUZZA,la tua carità pelosa?

  4. Se ne rende conto perfettamente!… La chiesa vaticana ha sempre usato tutti i mezzi a disposizione per indebolire, soggiogare e creare problemi di ogni genere, ordine e grado all’ Italia e agli Italiani. Ha fatto di tutto e di piu!… La NEGRAGLIA di cui si fanno PELOSI, ipocriti, e demoniacamente CINICI, “paladini” , e’ solamente l’ ennesimo, INFERNALE MEZZO, che la “provvidenza” , (SATANICA! n.d.r.), gli ha fatto capitare tra le mani…!….. (svergoglio docet…..).

Commenta