Imola, 18 gen – “Le scritte in arabo vanno fatte sparire dall’ospedale!”. A Imola, passa la mozione presentata dal consigliere comunale della Lega Daniele Marchetti (all’opposizione) e approvata dal Consiglio comunale grazie ai voti del M5S (in maggioranza), con l’astensione del Pd. L’ospedale in questione è il Santa Maria della Scaletta: sulla cartellonistica, rimarranno solo scritte in italiano e inglese. Imola è, oggi, una realtà particolare: dopo oltre 70 anni di governo monocolore, a seguito della sconfitta del centrosinistra nelle ultime elezioni, il sindaco Manuela Sangiorgi è sostenuto dai grillini con la Lega all’opposizione.

Ciò nonostante, leghisti e pentastellati si sono trovati d’accordo sul punto: sollecitare l’Azienda ospedaliera affinché rimuova le scritte in lingua araba. In tutto questo, i consiglieri del Pd non hanno votato contro ma si sono astenuti. “Si chiede un intervento che l’Ausl porta avanti già di suo e solo per ingraziarsi una parte di elettorato – spiegano i dem al Resto del Carlino – ma è una cosa culturalmente molto distante dal nostro modo di pensare”.

“Il Pd si astiene perché è in imbarazzo – sostiene il leghista Simone Carapia – non può votare contro una mozione che verrebbe sostenuta dai suoi stessi elettori”. Tatticismi bizzarri a parte, Imola dimostra quale sia il vero significato della parola “integrazione”. Siamo in Italia: che si parli e scriva in italiano.

Chiara Soldani

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Comincia a buttare male anche in Emilia Romagna per i “compagni” (col Rolex)… Speriamo che prsto anche Bologna sia liberata dalla loro bestiale e ignorante tirannia, e possa tornare ad essere una città normale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here