Roma, 29 ott – Sfruttamento della prostituzione, droga, lesioni e violenze sessuali. Ma anche furti e rapine. Se è vero che il crimine non dorme mai, ancora più vero è che i protagonisti della criminalità in Italia sono sempre più i cittadini stranieri. A segnalarlo sono gli ultimi dati diffusi dal ministero degli Interni, raccolti oggi dall’agenzia Agi.

La notizia positiva è che il numero di reati, nei primi nove mesi dell’anno, sembra diminuire. Al 30 settembre sono stati infatti commessi meno di 1 milione 700mila delitti, a fronte degli oltre 1 milione 800mila dello stesso periodo dell’anno scorso. La tendenza è peraltro in continua diminuzione dai massimi del 2018, quando ne furono segnalati quasi 2 milioni e mezzo. Non è però dato sapere quanto di questa contrazione sia da ascrivere ad una migliore opera di prevenzione e quanto, invece, al continuo calo delle denunce presentate (-6,5% nei primi nove mesi dell’anno).

Non calano, invece, i reati compiuti da stranieri. Tutt’altro: i delitti ascrivibili a non italiani sono in costante aumento. Gli stranieri denunciati o arrestati sono stati infatti 205mila, in aumento del 5% rispetto ai 195mila del periodo gennaio-settembre 2017. Cresce così anche la loro incidenza sul totale dei reati, che balza al 32,9% dal 28,9 dell’anno scorso.

Se in media un reato su tre è commesso da stranieri – che rappresentano però meno del 9% della popolazione – per determinate categorie le percentuali si impennano. E’ il caso, ad esempio, dello sfruttamento della prostituzione (60%) e delle rapine (40%). Meglio non va per reati altrettanto odiosi quali la violenza sessuale (4 denunciati su 10 sono stranieri), droga (40%) e furti (45%).

Nicola Mattei

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. I delitti commessi da stranieri sono ancor piu’ gravi di quelli commessi dagli italiani dato che un ospite che tradisce la fiducia di chi lo ospita è gia’ un essere da condannare per questo solo fatto: in Italia invece sembra che la giustizia abbia maggiore clemenza sugli immigrati rispetto agli italiani!Per i reati gravi con prove schiaccianti e molteplici ci vuole la pena di morte; sicuramente vedremmo una diminuzione enorme dei reati anche da parte di questi delinquenti stranieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here